Abbonati alla rivista
Area utenti

PleinAir | Viaggio

22 novembre 2018

Clicca, prenota e viaggia en plein air

World Wide Campers 1

Ha debuttato in Italia Worldwide Campers, una piattaforma che consente di accedere in modo facile e sicuro al noleggio di un v.r. in una trentina di Paesi e in cinque continenti

Amate il viaggio in libertà e desiderate costruirvi su misura e in autonomia un itinerario alla scoperta di destinazioni lontane? Oggi potete contare su una certezza: l’offerta di v.r. a noleggio nel mondo è divenuta ampia e ramificata. Per averne una conferma basta cliccare sul portale www.worldwidecampers.com, una piattaforma olandese che ha messo in rete una nutrita selezione di operatori professionali presenti in una trentina di paesi sparsi in tutti i continenti.

Tutto ha avuto origine da un’idea di Arjan Helle della Target Travel Service di Utrecht: forte di una lunga esperienza conseguita presso la Alamo-Rent-a-Car, una tra le più importanti società di noleggio automobili al mondo, nel 2011 ha ampliato l’offerta al segmento dei veicoli ricreazionali. Divenuto da quest’anno un brand autonomo, il marchio Worldwide Campers opera in stretto contatto con più di quaranta fornitori in grado di offrire mezzi di varie dimensioni e tipologie; a gestire le richieste che arrivano attraverso la piattaforma ci pensa la sede centrale, dove opera un team di sei persone. L’idea di Helle si è rivelata vincente: a ottobre le vendite di pacchetti noleggio hanno registrato un incremento del 23% rispetto al 2017 e le previsioni per il 2019 sono in ulteriore crescita. Il servizio è disponibile anche per la clientela di casa nostra: basta cliccare sulla versione italiana del sito – attiva dal mese di maggio 2018 – e accedere al menù di prenotazione navigando sul form posizionato nella colonna di sinistra della home page. Da qui si possono selezionare il Paese, la città di partenza (ed eventualmente quella di arrivo, tenendo conto che in questo caso il prezzo finale sarà maggiorato), il chilometraggio ed eventuali altri servizi come ad esempio la fornitura del kit per il campeggio. Una volta visualizzato il preventivo è possibile trasmetterlo alla centrale operativa olandese, che provvederà a propria volta a inoltrare la richiesta allo sportello italiano. A questo punto il potenziale cliente verrà contattato e, una volta verificata l’effettiva disponibilità del mezzo e dei servizi prescelti presso il noleggiatore selezionato, riceverà le istruzioni per effettuare il pagamento mediante bonifico bancario o con carta di credito.
«Chi noleggia un camper all’estero usufruendo della nostra piattaforma ha il vantaggio di ricevere un servizio assistenza in lingua italiana», afferma Guendalina Nucci di Master Consulting, la società romana che rappresenta Worldwide Campers in Italia. «La nostra sede si occupa di gestire il transfer del cliente dall’aeroporto di arrivo al centro noleggio, ma non solo: siamo disponibili a fornire informazioni, fugare eventuali dubbi e non ultimo a risolvere incombenze che possono risultare complesse quando si viaggia in Paesi diversi dal proprio» (per saperne di più: Master Consulting FL srl, tel. 0642011376, noleggiocamper@mastercons.it, www.worldwidecampers.com).

La parola agli influencer! Ecco alcune testimonianze di youtuber e blogger che hanno viaggiato negli USA con la piattaforma WWC.
Non era mai salito prima su un camper Nicolò Balini, videomaker e appassionato di viaggi raccontati puntualmente sul suo canale Youtube Human Safari. Ironico, fresco e ritmato, il suo video California in Camper apparso alla fine di maggio sul popolare social network ha raggiunto un lusinghiero numero di consensi: sedici minuti che scorrono via veloci seguendo le tracce di tre millennials – Niccolò, Marcello e Francesco – alla scoperta di uno degli stati americani più amati dagli italiani tra foreste, città e incredibili parchi nazionali. Un’avventura compiuta anche on the road a bordo di un camper a noleggio: «Non abbiamo prenotato niente e non sappiamo dove andare ancora» dice Niccolò rivelando peraltro un naturale istinto verso il viaggio in libertà. Una cosa gli è assolutamente chiara: «Gli States sono davvero una fantastica meta da girare a bordo di un recreational vehicle, come li chiamano qui».

La pensano così anche Francesca Taioli e Roberto Massucco, autori del blog Patato Friendly dedicato a chi viaggia con i pargoli al seguito (www.patatofriendly.com). «L’America fuori dai percorsi principali non è costosa, ed è estremamente facile fare campeggio in questo paese. Ovunque si può contare su grandi spazi, abbondanza di strutture ricettive e un diffuso atteggiamento di ospitalità», dice Francesca. All’indomani di un radicale cambio di vita che li ha visti abbandonare i precedenti impieghi per dedicarsi a nuova avventura professionale, decidono di realizzare un sogno accarezzato a lungo. «Fare un Coast to Coast negli Stati Uniti insieme al nostro piccolo Paolo era per noi un sogno che ne conteneva altri mille». E così nel 2017 hanno noleggiato a Las Vegas un imponente mansardato per arrivare a New York dopo 71 giorni, con un bottino di 12.607 chilometri percorsi e 16 stati attraversati. Ma soprattutto con un bagaglio impagabile di emozioni ed esperienze puntualmente registrati sul loro blog, che non manca di spunti informazioni per chi è interessato a effettuare un coast to coast in camper negli States.

Nel mese di giugno ha utilizzato la piattaforma Worldwide Campers anche Edoardo, giovane viaggiatore romano che dell’andar per luoghi ha fatto una scelta di lavoro e di vita. Il suo sito Mente Nomade (www.mentenomade.com) è uno blog di viaggio dei più seguiti d’Italia.

Altre News

Leggi tutte le News
Punto Direttore
iltropicodelcamper
app PleinAirClub
POI Garmin
Scarica