Weekend scelti per te

Le mete e gli eventi più belli scelti per te da PleinAir

Giro d’Italia… “en plein air”: dalla Val Martello a Trieste

Il Giro d’Italia entra nell’ultima e decisiva settimana e noi continuiamo il nostro viaggio alla scoperta delle località più belle attraversate dalla corsa rosa. La tappa di martedì, con arrivo nella Val Martello, ci offre l’opportunità di scoprire uno dei percorsi ciclabili più belli del Tirolo meridionale (Lungo il fiume e tra gli alberi). Mercoledì seguiremo idealmente le orme del leggendario Ottavio Bottecchia, il primo italiano a vincere il Tour, attraversando il Veneto e il Friuli (Dove correva Ottavio).  Il giorno seguente il Giro ripartirà da Belluno per arrivare fino al rifugio Panarotta in Valsugana: noi aspetteremo i ciclisti all’incirca a metà tracciato, in Val di Fiemme, scoprendone i tesori naturalistici e storici (Canyon all’italiana). La diciottesima tappa di venerdì 30 maggio vedrà sfilare i ciclisti sul celebre Monte Grappa, dove potremo ritrovare le tracce della storia drammatica ed eroica della Prima Guerra Mondiale (Amor di patria). Domenica l’arrivo a Trieste ci permetterà di chiudere davvero in bellezza il nostro Giro d’Italia “en plein air” visitando una delle città più cosmopolite del nostro paese (Incontri al vertice / Tricolore del Golfo).

Mete

Lungo il fiume e tra gli alberi

Tra frutteti, rocche e abbazie, si snoda in riva all'Adige uno degli itinerari ciclabili più belli del Tirolo meridionale: con ...

Mete

Campagne friulane in vista delle Prealpi Carniche
Dove correva Ottavio

Arte, storia e paesaggi tra Veneto e Friuli seguendo le tracce di Bottecchia, indimenticato protagonista del ciclismo europeo degli anni ...

Mete

Canyon all’italiana

Grandiosi panorami, ambienti protetti, escursioni alla portata di tutti: la Val di Fiemme è uno scrigno di tesori naturalistici e ...

Mete

Il lago del Corlo
Amor di patria

Dai forti (o ciò che ne resta) dello Sbarramento Brenta Cismon fino al Monte Grappa e a Bassano, un breve ...

Mete

Il molo San Carlo fu ribattezzato Audace dal nome dell'incrociatore che il 3 novembre 1918, negli ultimi giorni della prima Guerra Mondiale, porto' a Trieste i bersaglieri
Incontri al vertice

Dal suo generoso affaccio sull'ultimo lembo di Adriatico italiano, con le traforate montagne del Carso a fare da quinta sullo ...

Mete

Il tricolore del golfo

Intorno a Trieste c'è un pleinair tutto da sperimentare lungo i percorsi dell'altipiano carsico: tra il mare e la montagna, ...

Mete

la Drava, Un fiume a pedali

Un fiume a pedali

Dalle Alpi altoatesine alle campagne del Tirolo Orientale e della Carinzia, cinque giorni in bici seguendo il corso della Drava ...

Mete

La millenaria chiesa di Santa Maria Assunta

Sulle tracce di Matilde

Da Mantova al Po tra abbazie e chiese millenarie nate dalla munificenza della signora di Canossa. Un itinerario intorno al ...