Abbonati alla rivista
Area utenti

PleinAir | Viaggio

4 settembre 2017

Val di Cornia PleinAir – Sulle tracce degli Etruschi

slide2

Estesa nella parte meridionale della provincia di Livorno, la Val di Cornia è un territorio  ideale per chi viaggia nello spirito pleinair (ne abbiamo parlato ampiamente anche qui ). Volete scoprire perché? Venite all’evento Val di Cornia PleinAir organizzato in collaborazione con società Parchi Val di Cornia, Feisct e Rotta dei Fenici: un’occasione da non perdere per toccare con mano un’offerta culturale e ambientale di primo piano, affiancata da una valida rete di strutture ricettive all’aria aperta. Vi aspettiamo numerosi: l’appuntamento è fissato per il finesettimana dal 13 al 15 ottobre. Ecco i dettagli sul programma e le modalità di adesione.

Dove e come
È richiesta una quota di partecipazione a copertura delle visite guidate e degli ingressi ai musei. Si può optare per il pacchetto completo da 50 euro a persona, che include il trasferimento sul treno minerario e la cena del sabato sera (24 euro per i bambini da 3 a 6 anni); oppure per il pacchetto ridotto da 25 euro senza cena, 8 euro per i bambini da 3 a 6 anni).

Per informazioni e iscrizioni: Parchi Val di Cornia, tel. 0565 226445, prenotazioni@parchivaldicornia.it
Si ricorda che se si intende partecipare alla cecna è necessario comunicare l’adesione entro il 29 settembre.

Il programma

Venerdì 13 Dal pomeriggio arrivo presso il parcheggio riservato ai camper posto in Valle Lanzi, nell’ambito del Parco Archeominerario San Silvestro (coordinate 43°5’4.90″N 10°36’19.67″E). Registrazioni degli equipaggi e sistemazione dei veicoli. Alle ore 19.00 incontro a Villa Lanzi per un saluto di benvenuto da parte di Parchi Val di Cornia e delle autorità locali, con illustrazione del programma. Degustazione di vini della Val di Cornia a cura del Consorzio tutela vini Doc Val di Cornia.

Sabato 14 Ore 9.00 trasferimento con bus turistico a Piombino, visita al centro storico a bordo di un trenino turistico e visita guidata del Museo archeologico del territorio di Populonia.

Ore 12.30  Rientro a Valle Lanzi per pranzo libero.

Ore 15.00 Trasferimento con bus turistico a Campiglia Marittima e visita libera del borgo.

Ore 17.00 rientro al parcheggio di Valle Lanzi

Ore 19.30 trasferimento a bordo del treno minerario dalla Valle dei Lanzi alla Valle del Temperino ripercorrendo il viaggio del minerale per raggiungere il Ristorante Santa Barbara per una cena conviviale. Rientro a Valle Lanzi con il treno minerario.

Domenica 15 Ore 9.30  incontro a Valle Lanzi con la guida del Parco per raggiungere il villaggio medievale di Rocca San Silvestro, dove si potrà entrare nella prima casa medievale in pietra ricostruita in Italia, scoprire come una barra di metallo veniva trasformata in utensili e armi nella Bottega del fabbro.

Ore 12.00 Saluti e commiato.

Per saperne di più
Il filo conduttore della scoperta dei Parchi Val di Cornia segue le tracce della civiltà etrusca: affacciata sul Golfo di Baratti si trovava l’unica città sul mare di questo popolo affascinante e misterioso. Attraverso un bel percorso è possibile scoprire le vicende di Populonia dalla fondazione alla conquista capitolina, d’epoca repubblicana. La naturale prosecuzione del viaggio è il Museo Archeologico del territorio di Populonia, situato nel centro di Piombino, una straordinaria galleria che  propone oltre duemila reperti di varie epoche; il pezzo più noto della collezione è l’anfora d’argento del IV secolo, rinvenuta nel 1968. L’altro polo d’attrazione è rappresentato dal Parco Archeominerario di San Silvestro, che si trova sulle colline di Campiglia Marittima. La storia della miniera è illustrata nella sezione espositiva con immagini, oggetti e plastici; ci s’immerge nelle viscere della terra attraverso i cunicoli e le gallerie della Miniera del Temperino, mentre in superficie si ripercorre a bordo di un trenino il tragitto dei minerali estratti nella Galleria Lanzi-Temperino. Il tour in Val di Cornia si può concludere a Suvereto, suggestivo paese medioevale cinto da mura che deve il nome ai boschi di sughero che lo circondano. Non prima di aver fatto una tappa presso uno dei numerosi parchi termali della zona e aver passeggiato a San Vincenzo sul litorale di sabbia chiara.

Altre News

Leggi tutte le News
Punto Direttore
app PleinAirClub
iltropicodelcamper
movimentoturismovino
POI Garmin
Scarica