Abbonati alla rivista
Area utenti

PleinAir | Viaggio

Monteu da Po Torino - Piemonte, Italia

Un giorno in collina

Giorgio Villosio | PleinAir 509

Galleria fotografica In pratica Vai alla mappa
Rocca di Verrua Savoia

19 gennaio 2015

Una gita fuori porta tra i ponti di Chivasso e Crescentino: un breve itinerario a est di Torino seguendo il parco naturale del Po.

Monteu da Po, Cavagnolo, Brusasco e Verrua Savoia: località collinari situate fuori dalle solite rotte e generalmente ignorate, pur offrendo un interessante patrimonio culturale e paesaggistico, che rappresentano l’occasione per un piacevole itinerario in camper a due passi dalla città. Ci troviamo alla convergenza fra quattro province: il ponte sul Po a Chivasso dista solamente 31 chilometri da Torino, mentre quello di Crescentino, nelle vicinanze di Verrua Savoia, ne dista 47 da Torino, 30 da Vercelli, 33 da Asti e 68 da Alessandria.

i resti di un’antica pieve rurale

i resti di un’antica pieve rurale

Il territorio di Monteu da Po, punto d’inizio del nostro itinerario, era anticamente abitato da popolazioni celto-liguri. Verso il II secolo a.C. i Romani vi fondarono la città di Industria, che divenne un florido centro di mercato grazie alla presenza di fonderie specializzate nella creazione di bronzi votivi. L’area archeologica dell’antica colonia romana (i cui reperti sono conservati a Torino presso il Museo di antichità a Palazzo Reale) rivela la presenza di una quarantina di isolati, che nel momento di massimo splendore furono abitati da circa cinquemila persone.

l’area archeologica della città romana di Industria

l’area archeologica della città romana di Industria

In seguito l’invasione dei barbari, le guerre, i ripetuti incendi portarono al progressivo declino e la documentazione archeologica cessa a partire dal VII secolo. Nel frattempo sulle colline si era sviluppato un nuovo abitato, che avrebbe dato origine all’attuale paese di Monteu. E a poche centinaia di metri dalla zona dei templi nasceva la più antica pieve rurale della diocesi di Sant’Eusebio, documentata già nel lontano 356 d.C. (i resti sono visibili sulla sinistra dalla SS590, esattamente di fronte al bivio per Industria) e successivamente ricostruita dai Longobardi che la dedicarono a San Giovanni. Ora di quest’opera rimane solo un piccolo muro a cuspide, debitamente segnalato ma in stato di parziale abbandono in mezzo alla campagna.

La chiesa di San Grato a Monteu da Po

La chiesa di San Grato a Monteu da Po

Nella piazza principale di Monteu spicca la chiesetta di San Grato, risalente all’anno 996. Restaurata di recente, non è visitabile all’interno per problemi strutturali: impossibile perciò ammirarne il bellissimo altare ligneo e gli affreschi, nascosti sotto la calce, che descrivono la vita di Santa Fede. L’attuale parrocchiale di San Giovanni venne ricostruita sulle rovine di una chiesa preesistente tra il 1631 e il 1636: l’edificio ha le volte e le pareti decorate da affreschi e presenta un organo antico e un pregevole battistero ligneo.

Cavagnolo, Brusasco e Verrua Savoia

L’interno dell’abbazia di Santa Fede a Cavagnolo

L’interno dell’abbazia di Santa Fede a Cavagnolo

Proseguendo lungo la SS590 verso Casale Monterrato si raggiunge Cavagnolo, anch’essa di antiche origini celtico- liguri. Di qui è originario Alessandro Martini, famoso in tutto il mondo per il vermut che porta il suo nome. La cittadina è nota soprattutto celebre per l’abbazia benedettina di Santa Fede, costruita in stile romanico. Particolare e di grande pregio il portale, decorato con sculture zoomorfe. L’interno presenta pilastri cruciformi, con mezze colonne dai bei capitelli scolpiti con soggetti a tema vegetale, animale e anche teste umane che sorreggono la volta a botte. Il nome di Santa Fede collega questo monastero al grande centro francese di Conques, meta frequentatissima dei pellegrinaggi medioevali, dov’erano conservate e venerate le reliquie di Sainte Foy.

La chiesa di San Bernardo a Brusasco, risalente al XVIII secolo

La chiesa di San Bernardo a Brusasco, risalente al XVIII secolo

Da Cavagnolo, proseguendo verso il ponte di Crescentino, s’incontra il paese di Brusasco: nella parte alta è possibile visitare il Ricetto, piccolo borgo medioevale all’interno di una cinta fortificata che comprendeva originariamente la prima chiesa di San Bernardo, la borgata vera e propria, il castello, le mura e le porte del Cerrone e di San Sebastiano; in paese la chiesa settecentesca di San Pietro e Paolo incuriosisce per il suo campanile pendente.

Rocca di Verrua Savoia

Rocca di Verrua Savoia

Dopo Brusasco, a quattro chilometri dal ponte di Crescentino, ci attende il territorio di Verrua Savoia, un comune che conta solo 1.480 abitanti sparsi in numerose frazioni. Le prime notizie sulla località si hanno a partire dal 999, quando Ottone III lo affidò al vescovo di Vercelli. Durante i secoli successivi subì numerosi assedi e distruzioni perché conteso tra il vescovo di Vercelli, i Visconti e i Savoia, che lo acquisirono stabilmente a partire dal 1559. Tutte le successive vicende ruotarono però attorno alla sua fortezza, posta al confine tra il Monferrato e il Ducato di Milano. Nel XVI secolo era composta dalla rocca, dal castrum planum (l’insediamento abitato) e dal borgo. Il luogo fu teatro di battaglie e assedi come quello del 1625, quando gli spagnoli – che tenevano in scacco Verrua – furono sconfitti dai piemontesi e dagli alleati francesi. Un altro assedio da ricordare fu quello avvenuto tra il 1704 e il 1705, che vide unito l’esercito austriaco e piemontesi contro quello francese. Nella vicina città di Crescentino, dopo il ponte sul Po, rimane una testimonianza tangibile di quegli eventi: una palla di cannone sparata dalla fortezza e ancora incastrata in un muro. Fu Vittorio Emanuele II, nel 1862, ad aggiungere a Verrua la denominazione Savoia, come segno di riconoscenza per i meriti acquisiti nell’ambito del Piemonte sabaudo. Dal 2008 l’immobile è di proprietà della Fondazione Eugenio Piazza, nata con il fine di valorizzare il sito storico e monumentale della fortezza.

In pratica

DOVE SOSTARE
A Chivasso sono disponibili un’area attrezzata in Piazza Libertini, vicino alla stazione ferroviaria, e un camper service nei pressi del centro vendita Camper One, in corso Galileo Ferraris 128.
A Cocconato d’Asti punto sosta nella frazione Tuffo.
A Crescentino punto sosta presso l’Agriturismo Greppi: l’azienda, specializzata nella produzione di riso, è dotata di museo agricolo e svolge attività di fattoria didattica (Strada Saluggia 108, tel. 0161 841802 o 335.8224243, info@agriturismogreppi.it).

ENOGASTRONOMIA
Tra i piatti caratteristici di Mereu da Po c’è la panissa, pietanza a base di riso e fagioli. A Cavagnolo si possono assaggiare dolcetti Cavagnolesi, i Pierottini e la torta di nocciole. La specialità di Brusasco sono i Brusascotti, agnolotti con sugo alle nocciole.

DOVE MANGIARE
Agriturismo Parva Domus (Via Casa Porta 51, Cavagnolo; tel. 011 9151811 o 347 5142827); azienda collinare con sede in una villa ottocentesca che propone una cucina casalinga a base di prodotti locali.
Agriturismo Terre dei Profumi (Via Maiaris 13, Cavagnolo; tel. 011 9152723).
Agriturismo del Luogo (Borgata Garibaldi 20, Bruscasco, tel. 011 9151106); propone i sapori del territorio nella cornice del Ricetto di Brusasco, a fianco del castello.
Ristorante Palter (Frazione Sulpiano, Verrua Savoia; tel. 0161 846193); tra le specialità di questa locanda di antica tradizione si segnalano i fritti misti alla piemontese.

INDIRIZZI UTILI
A Monteu da Po il sito archeologico di Industria è visitabile gratuitamente contattando il custode (signor Nigro, tel. 339 3105197). Fortezza di Verrua - Fondazione Eugenio Piazza, tel. 011 19838708, fondazione.piazza@alice.it.

Galleria fotografica

L’interno dell’abbazia di Santa Fede a Cavagnolo La chiesa di San Bernardo a Brusasco, risalente al XVIII secolo l’area archeologica della città romana di Industria i resti di un’antica pieve rurale Rocca di Verrua Savoia La chiesa di San Grato a Monteu da Po Rocca di Verrua Savoia

Mappa


Altre Mete e Itinerari

Leggi tutte le Mete e gli Itinerari
Punto Direttore
app PleinAirClub
iltropicodelcamper
movimentoturismovino
POI Garmin
Scarica