Abbonati alla rivista
Area utenti

PleinAir | Viaggio

Bilbao Biscaglia, Spagna

Bilbao, l’impronta dell’arte

Testo e foto di Patrizio Del Duca | PleinAir 502

Galleria fotografica In pratica Vai alla mappa
Bilbao, Puente de la Salve

21 aprile 2015

Tradizioni basche, clima atlantico e calore iberico: la città di Bilbao ha saputo rinnovarsi, ripensando la propria urbanistica e aprendosi al turismo grazie a interventi che hanno riqualificato interi quartieri e favorito la fruizione degli spazi all’aria aperta.

 

La geografia dice Spagna, il clima e la vegetazione dicono Atlantico, l’anima è quella dei Paesi Baschi. Ecco Bilbao, un tempo mente dell’indipendentismo dal governo di Madrid e oggi tranquilla città in una regione immersa nel verde, tra colline, spiagge e antichi vigneti lungo la valle segnata dal fiume Ebro che scorre verso la vicina regione della Rioja, una delle patrie del vino spagnolo. Un territorio con tre province, tre climi diversi e incline alla vita all’aria aperta come vuole il costume spagnolo, secondo il quale la gioia di vivere sotto il sole e sotto le stelle rappresenta l’essenza stessa di un paese. E Bilbao è forse la metropoli che più di ogni altra racchiude in sé questo spirito gioioso, anche se talvolta il clima di tipo atlantico ne frena un po’ gli entusiasmi. Comunque la città e il suo circondario, le spiagge atlantiche come le strade costiere o gli angoli di verde delle colline circostanti sono luoghi da scoprire in tutta tranquillità, fermandosi in uno dei numerosi campeggi situati nei dintorni.

Museo Guggenheim di Bilbao, gradinata d'accesso

Museo Guggenheim di Bilbao, gradinata d’accesso

Parola d’ordine: rinnovamento

Per chi visita Bilbao la prima volta tutto appare normale: un fiume che l’attraversa, edifici antichi e moderni, un museo tra i più famosi al mondo (il Guggenheim), colline che la sovrastano e una superstrada che in un quarto d’ora porta verso le spiagge dell’Oceano Atlantico. Chi invece torna qui dopo una decina d’anni, nota subito i radicali cambiamenti che ha subito al fine di aprirsi al mondo e di far vivere il più possibile all’aria aperta i bilbaini e i turisti che vengono a scoprirla. Anno dopo anno i sindaci hanno investito per rifare completamente intere aree urbane puntando sulla cultura e sulla pedonalizzazione di vaste zone.

La Gran Sala, nota anche come Sala del Pez

La Gran Sala, nota anche come Sala del Pez

La prima a cambiare faccia è stata quella lungo il fiume Nervión: se un tempo era grigia e costituita da vecchi edifici industriali, dall’inizio del nuovo secolo è stata bonificata e unita al nucleo urbano grazie a una serie di ponti: il più famoso è quello di Calatrava, che segna una sorta di passaggio tra vecchio e nuovo. È stata poi realizzata una lunga area pedonale che per alcuni chilometri segue buona parte del corso del fiume e transita di fronte al museo per eccellenza, quel Guggenheim progettato dall’architetto canadese Frank Gehry e prima pietra del rinnovamento di una città di 350.000 abitanti ripensata in modo trasparente, tanto che l’ex sindaco Iñaki Azkuna è stato votato come il migliore al mondo.

Bilbao, Puente de la Salve

Bilbao, Puente de la Salve

A meno di un chilometro dall’area dove sorge il Guggenheim, sull’altra sponda del fiume si trova il Casco Viejo, la parte antica di Bilbao dove passeggiare, cenare nei locali tipici, fermarsi in uno dei numerosi caffè della Plaza Nueva per assaggiare i pintxos. Sono piccole bruschette condite con un po’ di tutto, dal baccalà alle acciughe, dal formaggio al prosciutto, dalle patate alle olive, che si accompagnano bene a un buon calice di txikito, il vino rosso in lingua basca, o alla zurito, una fresca birra locale. Gli abitanti sono soliti sostare sotto i portici che corrono lungo i quattro lati di questa piazza costruita a partire dal 1829 in stile neoclassico, per fare shopping o fermarsi nei negozi di antiquariato.

Casco Viejo, la parte antica di Bilbao

Casco Viejo, la parte antica di Bilbao

Gli amanti delle specialità tipiche della tavola potranno invece far tappa in una delle numerose botteghe artigianali che confezionano il Jamòn serrano, a detta degli esperti fra i migliori prosciutti al mondo. Con una passeggiata di un quarto d’ora dalla Plaza Nueva lungo le strette strade acciottolate, non è raro imbattersi in palestre all’aperto dove si gioca la pelota basca o in folti gruppi di persone che fanno il giro dei bar locali testando i pintxos.

Un particolare della facciata in stile gotico della cattedrale dedicata a Santiago

Un particolare della facciata
in stile gotico della cattedrale dedicata a Santiago

Si arriva quindi alla cattedrale di Santiago, risalente al XIV secolo, il cui nome deriva dalla più famosa cattedrale di Santiago de Compostela, in quanto Bilbao si trova lungo la strada che porta verso il rinomato luogo di pellegrinaggio, distante ancora 600 chilometri. Prima di lasciare il centro non mancate una puntata al Mercado de la Ribera, il mercato coperto più grande d’Europa con la facciata esterna in art déco.

Un locale a Casco Viejo, la parte antica di Bilbao

Un locale a Casco Viejo, la parte antica di Bilbao

Profumo di Atlantico

Se il Casco Viejo rappresenta la storia antica di Bilbao, i quartieri compresi tra il Guggenheim e la città vecchia sono il centro dello shopping, del passeggio e della vita lavorativa dei suoi abitanti. In una sorta di quadrilatero compreso tra la stazione ferroviaria, il fiume, il Guggenheim e il Viale Sabino Arana, si trovano circa cinquecento negozi, centri commerciali, ristoranti e locali per la movida.

La vetrata esterna della stazione ferroviaria

La vetrata esterna della stazione ferroviaria

Il quartiere è attraversato da due linee della metropolitana, che oltre a un efficiente mezzo di trasporto rappresenta una delle opere urbane più apprezzate. Nel 1998 – appena tre anni dopo la sua inaugurazione – la stazione Sarriko ha infatti ottenuto il premio internazionale Brunel, specifico per l’architettura ferroviaria. Considerata la metropolitana più pulita d’Europa, è stata realizzata con materiali moderni e progettata utilizzando un sistema che recupera l’energia durante le frenate, permettendo così un risparmio di circa un terzo di quella necessaria per il suo funzionamento.

Il ponte progettato negli anni Novanta da Santiago Calatrava

Il ponte progettato negli anni Novanta da Santiago Calatrava

Nei prossimi anni si lavorerà a un imponente progetto di rinnovamento di un’altra grande area situata qualche chilometro a nord del Guggenheim, sempre sulle rive del Nervión e in direzione del mare. Verranno infatti abbattuti vecchi edifici industriali in disuso per far posto a insediamenti abitativi, parchi, aree pedonali e spazi dedicati alla cultura come musei e teatri. Anche nella zona costiera che si affaccia sull’Atlantico sono sorti nuovi quartieri senza tralasciare ampi spazi verdi e senza stravolgere opere che testimoniano il passato della città, come il famoso Puente de Vizcaya o Puente Colgante, un ponte in ferro in riva all’oceano inaugurato nel 1893 con una struttura simile alla Torre Eiffel.

Bilbao, teatro Arriaga

Bilbao, teatro Arriaga

Il viadotto è stato il primo al mondo a effettuare il trasporto di persone e di mezzi da una sponda all’altra attraverso una struttura mobile alimentata a energia elettrica. Dal 2006 è stato inoltre dichiarato dall’Unesco patrimonio dell’umanità. Da questa zona situata a circa 15 chilometri dal Casco Viejo e unita alla città senza soluzione di continuità si può partire per visitare la costa basca, dove la vegetazione e il clima sono più simili a quelli della lontana Inghilterra che alla Costa Brava. Gli itinerari più suggestivi sono quelli che conducono verso San Sebastián, seconda città basca che si trova a un centinaio di chilometri in direzione della Francia. In particolare, i primi chilometri verso Cabo Machichaco offrono panorami ameni e possibilità balneari nelle località di Barrika, Plentzia e Bernio, anche se il paese più suggestivo è Bermeo, piccola località marinara fondata nel 1236 e porto turistico con ristoranti e locali dove concludere in modo piacevole questo breve giro nel cuore dei Paesi Baschi.

 

La punta di diamante

Museo Guggenheim di Bilbao, una mostra contemporanea

Museo Guggenheim di Bilbao, una mostra contemporanea

La scelta di Bilbao come sede del prestigioso museo Guggenheim risale alla fine degli anni Ottanta, quando – cinquant’anni dopo l’inaugurazione dell’omonimo museo a New York – la fondazione che lo gestiva puntava al vecchio continente. Inaugurato nel 1997 sulle rive del fiume Nervión, il Guggenheim è al centro di un’area di 32.500 metri quadrati, completamente ristrutturata e restituita alla cittadinanza e ai turisti. All’interno di una delle strutture espositive più visitate della Spagna e sotto una copertura realizzata con 33.000 scaglie di titanio si trovano opere artistiche contemporanee, collocate in un edificio che assieme al vicino ponte di Calatrava rappresenta l’immagine di Bilbao rivolta al futuro.

In pratica

AREE DI SOSTA E CAMPEGGI
Autocaravaning Kobetamendi, Calle Monte Kobeta 31, Bilbao, tel. 0034/944/795760; aperto da metà aprile a metà ottobre. Situato sulle alture a ovest della città, dispone di un’area sorvegliata riservata alla sosta (massimo 72 ore) di circa 70 camper, con allacciamento idrico ed elettrico al costo di 15 euro a notte. Un bus con biglietto a tariffa urbana collega al centro.
Sopelana, Playa Atxabiribil 30, tel. 0034/946/761981, www.campingsopelana.com/it; annuale. Sul mare, a 20 chilometri a nord di Bilbao, facilmente raggiungibile dalla statale in direzione Sopelana Playas. Prezzo indicativo per due persone più camper e allaccio elettrico 35 euro a notte. È collegato a Bilbao con la metropolitana, che durante i tradizionali festeggiamenti della Semana Grande (la settimana dopo Ferragosto) è in funzione tutta la notte.
Arrien, Uresaranse Bidea s/n, Gorliz, tel. 0034/946/771911, www.campinggorliz.com; aperto dal 1° marzo al 31 ottobre. A 25 chilometri da Bilbao, dispone di 150 piazzole al prezzo indicativo compreso tra i 35,50 e i 45 euro al giorno a seconda del periodo.
Portuondo, Località Mundaka, tel. 0034/946/877701, www.campingportuondo.com. A circa 30 chilometri da Bilbao e a 3 da Bermeo. Piazzole con fondo erboso fornite di allaccio elettrico; tariffa in alta stagione 57 euro per camper più due adulti e due bambini.

DOVE MANGIARE
Bodega Urbana, Gran Via 66, tel. 0034/ 944/416181, www.bodegaurbana.com. Ristorante tipico e cantina vinicola con le migliori etichette basche, spagnole e internazionali.
Guria, Gran Via 66, tel. 0034/944/415780, www.restauranteguria.com. A pochi minuti a piedi dal centro, propone una cucina con prodotti di stagione. L’apertura del locale risale al 1920.
Gran Café El Mercante, Calle Arenal 3 Bajo, tel. 0034/94/6084669, cafemercante.es. Locale del 1871 in stile déco, situato nel Casco Viejo di fronte alla stazione. Famoso per i pintxos, la musica e le decorazioni del salone.
Café Bar Bilbao, Calle de los Fueros, tel. 0034/94/4151671, www.bilbao-cafebar.com. Inaugurato nel 1911, è situato sotto i portici di Plaza Nueva e frequentato per i pinxtos da clienti di ogni età.

INDIRIZZI UTILI
Ente del Turismo dei Paesi Baschi, Alameda de Urquijo 36-5º, tel. 0034/946/077598, tourism.euskadi.net.
Ufficio del Turismo di Bilbao, Plaza Circular 1, tel. 00340/944/795760, www.bilbaoturismo.net, www.bizkaia.net.
Museo Guggenheim, Avenida Abandoibarra 2, tel. 0034/944/359000, www.guggenheim-bilbao.es; aperto tutti i giorni tranne lunedì dalle 10 alle 20, a luglio e agosto tutti i giorni, ingresso 13 euro, ridotto 7,50 euro.

Galleria fotografica

Bilbao, Puente de la Salve Bilbao, palazzo municipale, La Bodega Urbana Gran Café El Mercante Uno scorcio di Bilbao Bilbao, teatro Arriaga Il ponte progettato negli anni Novanta da Santiago Calatrava Il Puente del Arenal Un interno della stazione ferroviaria Un particolare della facciata in stile gotico della cattedrale dedicata a Santiago Casco Viejo, la parte antica di Bilbao Un locale a Casco Viejo, la parte antica di Bilbao Museo Guggenheim di Bilbao, una mostra contemporanea Museo Guggenheim di Bilbao, gradinata d'accesso Bilbao, Puente de la Salve La Gran Sala, nota anche come Sala del Pez

Mappa


Altre Mete e Itinerari

Leggi tutte le Mete e gli Itinerari
Punto Direttore
app PleinAirClub
iltropicodelcamper
movimentoturismovino
POI Garmin
Scarica