Abbonati alla rivista
Area utenti

PleinAir | Viaggio

RIVA DEL GARDA Trento - Trentino Alto Adige, Italia

Alto Garda: luci sulla Riviera

Testo di Gianluca Ricci - Foto dell’autore e dell’Azienda per il Turismo Ingarda Trentino | PleinAir 461

Galleria fotografica In pratica Vai alla mappa
Presepe vivente a Canale di Tenno

16 dicembre 2014

Natale a nord ma senza patire troppo i rigori dell’inverno? In una cornice di animate cittadine turistiche e preziosi borghetti medioevali, l’Alto Garda trentino è un perfetto scenario festivo tra eventi per grandi e bambini, mercatini e presepi la cui visita è resa ancora più piacevole dal clima temperato del lago.

La Casa di Babbo Natale, allestita negli spazi della Rocca di Riva del Garda

La Casa di Babbo Natale, allestita negli spazi della Rocca di Riva del Garda

Nelle contrade di un Alto Garda tirato a festa, sono piccole palme quelle che i negozianti di Arco addobbano con palle e fiocchi colorati e piazzano a sentinella delle botteghe: niente abeti, nonostante ci si trovi in territorio trentino, perché a nessun’altra cosa da queste parti tengono di più che alla loro mediterraneità. E se basta spostarsi di poche decine di chilometri più a nord per un’abbuffata di presepi e mercatini dall’inconfondibile sapore nordico, sulle sponde del Benaco si avvertono ben diverse atmosfere, pur nella salvaguardia dell’iconografia tradizionale. Ogni comunità offre tutto quello che può e quello che sa a chi decide di esplorare i più intimi recessi di strade, vicoli e centri storici, dunque scenografie della Natività e bancarelle cariche di doni, ma non solo. La volontà di ogni cittadina sembra quella di cercare una specifica caratterizzazione: come dire che il Natale va contestualizzato, e non è difficile farlo in un ambito naturalistico di prim’ordine come questo.

Da Arco a Bolognano

Nelle settimane d’Avvento il centro di Arco si può visitare grazie all’apposito trenino

Nelle settimane d’Avvento il centro di Arco si può visitare grazie all’apposito trenino

Il centro dell’attenzione resta Arco: sulla piazza principale e nelle vie circostanti, sotto la protezione di un castello delicatamente illuminato per l’occasione, una cinquantina di casette di legno danno vita a uno dei mercatini di Natale più frequentati ed apprezzati di tutta la provincia. Fino al 23 dicembre è possibile trovare originali idee per un regalo o acquistare prodotti tipici della zona, sfidando la folla e le temperature che, per quanto miti possano essere, ricordano comunque che ci troviamo alle porte delle Dolomiti di Brenta. E’ però la luce a colpire di più, addomesticata e plasmata per dare vita ad effetti davvero particolari: non passano inosservati gli addobbi di Viale delle Magnolie, che si trasforma per qualche giorno in una piccola Avenue des Champs-Élysées, e neppure i brillanti numeri del gigantesco calendario dell’Avvento proiettato sulle antiche case che danno su Piazza Tre Novembre; così come la preghiera di Natale che spicca sull’illuminazione soffusa delle facciate delle chiese di San Bernardino e Sant’Anna. Il trionfo la vigilia dell’Immacolata, quando alle prime ombre della sera l’intero centro della cittadina viene letteralmente acceso da un imponente spettacolo di fuochi d’artificio. Luci e colori anche nel quartiere medioevale di Stranfora, che dalla piazza principale si inerpica verso il colle su cui svetta ciò che rimane dell’antico castello: sapiente la regia, capace di valorizzare nel contrasto delle ombre gli angoli più caratteristici, dove la passione dei residenti dà vita a presepi artigianali di grande effetto. E poi un corollario di grandi e piccole manifestazioni che animano tutti i finesettimana di dicembre: i laboratori del gusto al Casinò, per esempio, in cui chef di provata abilità insegnano a cucinare i piatti tipici della zona per poi farli assaggiare a chi ne fa richiesta. Per i più piccoli non mancano il Natale di Fiaba, con giochi e racconti a tema, e un tour sul dorso gibbuto di Alì, il cammello di Natale, star incontrastata di un vero e proprio minizoo allestito sul sagrato della chiesa maggiore.

Verso arco sul cammello Alì

Verso Arco sul cammello Alì

Per una ricorrenza meno laica e un po’ più intima conviene invece raggiungere Bolognano, una frazione alle pendici del Monte Stivo, dove da anni gli instancabili volontari del locale comitato realizzano una mostra di presepi davvero coinvolgente: decine e decine di allestimenti dislocati nei punti più scenografici del borgo, a ricordare che oltre ai mercati c’è dell’altro. Una buona occasione per dare un’occhiata anche alle frazioni circostanti, come San Martino o Massone, il cui nucleo originario è  rimasto urbanisticamente quasi intatto.  Da un paese all’altro eccoci infine a Dro, 5 chilometri  a nord di Arco, dove fino alla Vigilia si possono fare due  passi in centro fermandosi presso gli avvolti delle case per  assaggiare alcune delizie enogastronomiche della zona, come  le prugne e il rinomato Vino Santo. I giovanissimi, nel  frattempo, volano sulle ali della fantasia nella Fabbrica di  Babbo Natale dove, con l’aiuto degli elfi, si costruisce, si colora,  si dipinge all’insegna del magico mondo di Santa Klaus.

Sotto il castello

La Casa di Babbo Natale, allestita negli spazi della Rocca di Riva del Garda

La Casa di Babbo Natale, allestita negli spazi della Rocca di Riva del Garda

Scesi sul lago, a Riva del Garda, la rievocazione  natalizia è tutta incentrata sulla mitologia di Babbo  Natale: nessun mercatino nel bel centro storico, anche  per evitare un’inutile concorrenza con la vicina Arco, ma  una particolare attenzione ai più piccoli e alle loro esigenze.  D’altronde la città che a fine estate organizza la Notte di  Fiaba, coinvolgendo centinaia di bambini in giochi e iniziative  ludiche di ogni tipo, non poteva che specializzarsi in  tal senso. Ecco dunque la Rocca, il castello duecentesco trasformato  in caserma dagli Austriaci nel XIX secolo e che  abitualmente ospita le collezioni artistiche e archeologiche del museo cittadino, diventare per un mese o giù di lì la casa  di Babbo Natale. In compagnia della sua Natalina, il barbuto  vecchione riceve i bimbi e li accoglie in un vero e proprio  parco giochi tematico: il Grande Giardino Ghiacciato  in cui gironzolano gli elfi, la Stanza del Polo Nord decorata  con pupazzi di neve, igloo e cristalli di ghiaccio, i laboratori  nei quali i bimbi possono farsi dipingere sul viso un  grazioso ricordo della visita; e ancora, la cucina di Nonna  Natalina dove si degustano i muffin e il tradizionale pan di  molche, preparato con i resti della lavorazione delle olive,  e il misterioso Covo degli Elfi.

La Casa di Babbo Natale, allestita negli spazi della Rocca di Riva del Garda

La Casa di Babbo Natale, allestita negli spazi della Rocca di Riva del Garda

Tutto senza esagerare, naturalmente,  perché il Natale resta pur sempre una festività religiosa,  come ricorda il bel presepe costruito in Piazza Cavour  ai piedi dell’enorme tiglio che la ombreggia. La passeggiata  in centro è resa ancora più piacevole da luminarie  e decorazioni sobrie ma eleganti, particolarmente ricercate  nel loro genere, che si propongono di ricreare un’atmosfera  di maggior raccoglimento. E sulla Rocchetta, nei pressi  della chiesina di Santa Barbara, è una brillante stella cometa  ad indicare che qui batte il cuore del Natale di Riva.  Un altro mercatino dall’inconfondibile sapore natalizio,  questa volta dedicato all’artigianato e ai prodotti tipici, viene allestito a Canale di Tenno, ma solo per il ponte dell’Immacolata  e per le due domeniche successive: una visita  da non mancare per la straordinaria scenografia di questo  borgo fra i più belli del Trentino. I vicoli e le piazzette,  su cui si affacciano case medioevali sapientemente ristrutturate,  si animano grazie ai delicati giochi di luce degli  addobbi e alle bancarelle, tra le quali si aggira circospetto  Gino lo Spazzacamino, pronto a regalare carbone a tutti i  bambini (anche quelli buoni…). Ma i momenti più emozionanti  sono senz’altro la notte della Vigilia, quando il corteo  dei pastori e dei loro animali percorre le stradine del  centro al suono delle zampogne e dei cori natalizi, e il giorno  di Santo Stefano, durante il quale tornano a rivivere gli  antichi mestieri e le usanze di altri tempi grazie ai figuranti  del presepe vivente. Volendo attardarsi nei dintorni si  possono raggiungere Frapporta, altro piccolo gioiello architettonico  di queste montagne, e la stessa Tenno, con il  merlato castello medioevale (oggi di proprietà privata) e il  grazioso laghetto poco distante. Poi non resta che lasciarsi  catturare da luci, colori e profumi di questo Natale gardesano,  con uno sguardo alle montagne già imbiancate che  sorvegliano dall’alto le miti sponde del Benaco

In pratica

COME ARRIVARE
La via più comoda, anche se meno scenografica,  è la A22 del Brennero uscendo a Rovereto Sud-Lago di Garda  Nord. In alternativa, per chi proviene dalla A4 Torino-Trieste restano  le due litoranee gardesane che risalgono il Benaco fino a Riva  del Garda: quella occidentale si può prendere uscendo a Brescia  Est oppure a Desenzano e proseguendo per Salò, Toscolano Maderno  e Limone sul Garda, quella orientale uscendo a Peschiera e proseguendo  per Bardolino e Malcesine.

DOVE SOSTARE
Sono più di venti i campeggi dell’Alto Garda,  ma nessuno di essi purtroppo è in funzione durante i mesi invernali,  e non resta che servirsi delle aree attrezzate. A Riva del Garda sono  disponibili 40 posti nell’area di Via Brione (con acqua, pozzetto,  illuminazione e parco giochi), mentre ad Arco si sosta per un massimo  di 72 ore in Via Caproni Maini, sulla strada che porta a Prabi;  per carico e scarico c’è l’area ecologica del parcheggio di Caneve,  in Via Rovereto. Trovata sistemazione, ci si sposta comodamente da  un luogo all’altro con gli autobus pubblici di Trentino Trasporti, che  assicurano numerosi collegamenti (per orari e percorsi www.ttesercizio.it, tel. 0461 821000 dal lunedì al sabato ore 7/19.30).

EVENTI A Riva del Garda la Casa di Babbo Natale è aperta con  orario 14/18.30 dal 4 all’8 dicembre, l’11 e 12, il 18 e 19, il 23 e  24, dal 27 al 30 dicembre e dal 2 al 5 gennaio.  Il mercatino di Arco si svolge dal 3 al 12 e dal 15 al 23 dicembre,  con orario 10/19 (il 7 fino alle 21.30 per lo spettacolo pirotecnico);  inoltre, l’11 e 12 dicembre si tiene lo spettacolo itinerante Canto  di Natale.  A Canale di Tenno il mercatino nel borgo medioevale va in scena il  5, 6, 8, 12 e 19 dicembre, mentre il 24 alle ore 22 si svolge il corteo  dei pastori e il 26 alle ore 12 il presepe vivente.  Per il Natale sotto i Porteghi di Dro l’appuntamento  è per il 18, 19, 22 e 23 dicembre con  orario 10/19. Sempre il 18 e 19 è in attività la  Fabbrica di Babbo Natale, con orario 14/18.

INDIRIZZI UTILI Per tutte le informazioni  sul territorio e sulle sue attrattive si può contattare  l’Azienda per il Turismo Ingarda Trentino,  Largo Medaglie d’Oro al Valor Militare 5,  Riva del Garda, tel. 0464 554444, www.gardatrentino.it, info@gardatrentino.it.

Galleria fotografica

La Casa di Babbo Natale, allestita negli spazi della Rocca di Riva del Garda La Casa di Babbo Natale, allestita negli spazi della Rocca di Riva del Garda La Casa di Babbo Natale, allestita negli spazi della Rocca di Riva del Garda Presepe vivente a Canale di Tenno Nelle settimane d’Avvento il centro di Arco si può visitare grazie all’apposito trenino Verso Arco sul cammello Alì

Mappa


Altre Mete e Itinerari

Leggi tutte le Mete e gli Itinerari
Punto Direttore
app PleinAirClub
iltropicodelcamper
movimentoturismovino
POI Garmin
Scarica