Abbonati alla rivista
Area utenti

PleinAir | Viaggio

Assisi - Umbria, Italia

Le vie dei canti


In pratica Vai alla mappa


8 aprile 2009

L’inverno se n’è andato, e cosi il grigiore, il freddo, la pioggia, la nebbia. E’ tornata la primavera, risveglio della natura e delle genti. Nei campi cresce il grano, gli alberi si caricano di fiori e foglie. E Assisi, città ascetica e cristiana, per tre giorni diventa pagana votandosi alle divinità che nel mondo italico, greco e romano proteggevano la fertilità e l’abbondanza.
E’ Calendimaggio, festa moderna con radici antiche, germogliata nel 1927 e definitivamente sbocciata nel 1954 in un tripudio di colori, fuochi, costumi, danze, cori, tenzoni, scene teatrali. In Umbria, nel Medioevo, con l’arrivo della primavera si era usi piantar maggio, ovvero conficcare un tronco nella morbida terra fresca, rito propiziatorio denso di valenze erotiche: l’albero e i suoi rami erano adornati con nastri di seta colorata e vi si appendeva una bambola, detta Sposa, a simboleggiare l’unione del principio femminile e di quello maschile. E molto probabilmente, tra i giovani festanti, c’era anche quel Francesco di Bernardone che pochi anni dopo sarebbe divenuto il Poverello di Assisi.
Tra spensieratezze pagane e raccoglimento cristiano, agli inizi del ‘300 infuriava la lotta tra le famiglie dei Nepis e dei Fiumi, che dominavano rispettivamente i quartieri alti e quelli bassi della cittadina. Ed ecco che nel Calendimaggio odierno quell’epoca riprende vita in un’atmosfera da fiaba, trasfigurando in chiave giocosa i dissidi tra le due fazioni in gara per la conquista del Palio: la Nobilissima Parte de Sopra, cioè dei Sestieri di Porta Moiano, San Rufino e Porta Perlici, e la Magnifica Parte de Sotto, dei Sestieri di Porta San Giacomo, Porta San Francesco e Porta San Pietro. I combattenti si incontrano e si sfidano nella Piazza del Comune, all’ombra del tempio di Minerva, del Palazzo dei Priori e della Torre Municipale.
Il giovedì, venerdì e sabato immediatamente successivi al Primo Maggio sono i tre giorni in cui viene alla luce il lungo lavoro di allestimento della festa. I preparativi hanno richiesto tutto l’anno, al riparo degli sguardi indiscreti della fazione opposta, nella penombra di vecchie officine e scantinati dalle volte in pietra. Si dice che esistano anche spie e spioni, ma questa è un’altra storia.
Il primo giorno si benedicono i vessilli, giusto per ricordare alle parti che si è in terra cristiana. La scenografia è curata in ogni particolare, e l’illusione di essere tornati indietro di sette secoli è perfetta: ogni traccia dei tempi moderni, che sia un cartello stradale o un tombino, un filo elettrico o un’insegna luminosa, viene nascosta o camuffata con paglia, sacchi di juta, fondali dipinti.
Col calare delle tenebre, iniziano le recite nei quartieri di una delle due parti. Alla luce di fiaccole e torce, nel dedalo di vicoli aperto solo ai partaioli e alla giuria, viene ricreato alla perfezione il mondo medioevale: sarte, lavandaie, filatrici, artigiani, vinai, commercianti si muovono nel loro piccolo mondo fra la locanda, il mercato, il postribolo. Chi espone la selvaggina e chi i formaggi, chi la carne e chi il pesce, chi il pane e chi le spezie, mentre razzolano le galline e le oche. Intanto l’aria rischiarata dalla luce dei fuochi e delle lanterne si riempie del vociare dei figuranti: al suono di arpe e liuti si cantano l’amore e la vita, il buon vino e i tempi andati. Si parla in “medioevese”, buffa commistione di dialetto umbro e italiano volgarizzato che rende ancora più divertenti le storie antiche e le pièce teatrali, originali o inventate non importa, purché d’effetto. Ma il pubblico non ha il permesso di assistere, perché disturberebbe la giuria e non ci sarebbe abbastanza posto per tutti: si è dunque scelto di proiettare le scene su grandi schermi in piazza, unica deroga a questo ritorno nel passato.
Il venerdì si riuniscono i cortei dell’una e dell’altra parte. Si danza, si fanno girotondi in un ondeggiare di vesti colorate e di gentili sorrisi. Nobildonne in costume, i capelli raccolti e ornati da ghirlande floreali, incedono con austera eleganza recando fasci d’erba fresca, fiori e trecce d’alloro. Si deve scegliere Madonna Primavera, e perciò le due fazioni si affrontano nelle tre prove del tiro alla fune, della corsa delle tregge (antiche slitte per il trasporto del fieno) e del tiro con la balestra: la parte vittoriosa acquisisce il diritto ad eleggere la sovrana del Calendimaggio. La scelta viene effettuata abbinando un arciere a ciascuna donzella, e il tiratore che avrà ottenuto il punteggio più alto nel colpire il bersaglio posto in fondo alla piazza designerà Madonna Primavera.
Nella notte si torna di nuovo in scena con gli spettacoli in vernacolo, che questa volta si svolgono nei vicoli della parte avversa. Al termine, spettatori e partaioli affollano le taverne, mangiando con gusto la saporita porchetta alle erbe e la torta al testo, annaffiate dal vino rosso di questi colli.
Il terzo e ultimo giorno, sabato, è il momento della verità. Vincerà la Parte de Sopra o la Parte de Sotto? Squillano le chiarine e rullano i tamburi, la piazza si riempie di una folla di madonne e messeri, soldati e mercanti, cavalieri e acrobati sui trampoli. Ritornano i cortei, le danze al ritmo di musiche medioevali, le sfilate teatrali che vedono scorrere un incredibile campionario di macchine d’epoca, ruote solari, perfino navi, insieme a burlesche rappresentazioni fra le quali non manca il mesto corteo funebre di un maiale arrosto. E naturalmente si dileggia la parte avversa leggendo bandi satirici, accendendo gli animi tanto da dividere le famiglie e far diventare nemici gli amici.
Di nuovo scende il buio, la piazza e i palazzi circostanti rosseggiano alla luce delle torce, i mangiatori di fuoco sputano lunghe lingue incandescenti, ruote incendiate e bracieri rischiarano la scena, mentre singolari personaggi avvolti da veli danzano in cima ad altissimi trampoli sulle note di musiche antiche. Ed ecco che Assisi rivela il suo segreto, la particolarità della tenzone che decreterà il vincitore: non si tratta di una sfida cavalleresca, com’è facile pensare, bensì di una gara canora, il cui esito si dice possa addirittura ribaltare il risultato. Dopo la sfida a suon di madrigali, i giurati – un esperto di musica, uno di storia e un terzo di spettacolo, scelti tra insigni personaggi del mondo accademico, artistico, cinematografico e televisivo – si riuniscono per il verdetto. Sarà il Maestro di Campo che, srotolando una pergamena, comunicherà la decisione finale della giuria, decretando la rabbiosa disperazione di una parte e scatenando la folle gioia dell’altra.
L’agognato premio è finalmente aggiudicato: un anno di lavoro si chiude, un altro si apre. I partaioli stanchi affollano le taverne, siedono alle cene organizzate dall’una o dall’altra fazione e solo a notte fonda risalgono i vicoli ormai immersi nel buio. Si leva ancora qualche canto, si gioisce o si piange, qualcuno va a dormire e qualcun altro a piantar maggio.

In pratica

COME ARRIVARE
Nonostante la fama di Assisi, vale la pena ricordare che si raggiunge comodamente da tutta Italia. Arrivando da nord lungo la A1 si esce a Valdichiana e si prende la superstrada 75bis (rispettare i limiti, ci sono molti controlli) entrando in Umbria e costeggiando il Trasimeno e Perugia; all'altezza di Collestrada ci si immette sulla S.S. 75, si esce a Santa Maria degli Angeli e si seguono le indicazioni per Assisi Centro. Da Roma e dal versante tirrenico meridionale si esce dalla A1 a Orte e si continua sulla S.S. 204 in direzione Terni, poi sulla E45 in direzione Perugia; a Ponte San Giovanni seguire le indicazioni per Assisi, immettendosi a Collestrada sulla statale 75.
Dalla A14 Adriatica chi arriva da nord può uscire a Cesena e scendere lungo la E45 fino a Collestrada, proseguendo come sopra. Da sud si può uscire ad Ancona e continuare sulla S.S. 76 per Jesi, Fabriano e Fossato di Vico, poi la S.S. 3 per Gualdo Tadino e Nocera Umbra, e infine la 75 per Spello, Santa Maria degli Angeli e Assisi. Altro possibile percorso è quello che lascia l'Adriatica a Civitanova Marche e prosegue sulla superstrada per Tolentino, poi sulla S.S. 77 per Foligno e da ultimo sulla 75.
Per i molti escursionisti e backpacker che frequentano Assisi, ricordiamo che in treno si arriva dalla Firenze-Roma o dalla Roma-Ancona, cambiando a Foligno se non si tratta di una corsa diretta (www.ferroviedellostato.it). La stazione di Assisi è posta in pianura presso Santa Maria degli Angeli, quindi è piuttosto lontana dal centro storico della città (circa 3 chilometri) ma ben collegata dagli autobus della linea C che partono dal piazzale antistante lo scalo ferroviario e fermano in Piazza Matteotti.

SOSTE E CAMPEGGI
Nei giorni festivi e nell'alta stagione in genere, difficile trovare opportunità di sosta libera in città o, per meglio dire, nei parcheggi attorno alle mura del centro storico (ed è bene comunque chiedere informazioni ai vigili per aggiornarsi al momento su eventuali divieti, anche temporanei). La soluzione migliore ad Assisi rimane dunque il campeggio, e ce ne sono due: l'Internazionale Assisi, a 3 chilometri dalla stazione e accanto alla strada che collega la pianura al colle (Via San Giovanni in Campiglione 110, tel. 075 813710 o 075 816816, fax 075 812335, www.campingassisi.it, info@campingassisi.it, aperto da metà marzo al 2 novembre), e il Fontemaggio, nel parco del Subasio (Via Eremo delle Carceri 8, tel. 075 813636 o 075 812317, fax 075 813749, www.fontemaggio.it/camping.htm, info@fontemaggio.it). Le stesse strutture dispongono anche di casemobili e alloggi di tipo alberghiero.
In alternativa si può sostare nelle aree attrezzate di Bastia Umbra (nel centro storico in Piazzale della Posta) e di Spello (sulla Via Centrale Umbra in località Osteriaccia), raggiungendo la città di San Francesco in pochi minuti di treno o di bus. Entrambe le aree sono di buona capienza, sempre aperte e con vari servizi. A Spello c'è anche l'area di sosta rurale dell'agriturismo L'Oliveto (in località Capitan Loreto sulla provinciale interna per Assisi, tel. 0742 301363, www.agriturismololiveto.it, aperto tutto l'anno su prenotazione).

INDIRIZZI UTILI
Ufficio Informazioni e Accoglienza Turistica del Comprensorio Assisano, Palazzo San Nicola, Piazza del Comune, tel. 075 812534, fax 075 813727, info@iat.assisi.pg.it.
Regione Umbria Turismo, www.umbria2000.it.

L'IDEA IN PIU'

Per approfondire la conoscenza del territorio assisano si può leggere il n. 422 di PleinAir, con un servizio sul Monte Subasio e Spello. Chi è interessato alle tradizioni popolari potrà unire il Calendimaggio di Assisi alla festa dei Ceri di Gubbio, che si tiene ogni anno a metà maggio (vedi n. 346). Sull'Italia di San Francesco ricordiamo lo storico speciale apparso sul n. 314, del 1998.

Mappa


Altre Mete e Itinerari

Leggi tutte le Mete e gli Itinerari
POI Garmin
In Edicola
Scarica