Abbonati alla rivista
Area utenti

PleinAir | Viaggio

, Gibilterra

Il pianeta delle scimmie


In pratica Vai alla mappa


17 dicembre 2009

Entriamo a Gibilterra in una di quelle giornate che sarebbero piaciute ai pirati. Il cielo è opaco, la luce lattiginosa, dalla bruma che copre la superficie del mare spunta solo la cima del Jebel el Tariq, il monte che nell’VIII secolo prese il nome del conquistatore berbero della Penisola Iberica. Aguzzando lo sguardo si intravvede, sulla sponda africana, la scura sagoma del Jebel Musso: secondo la mitologia greca le due ripide vette erano all’origine un’unica montagna, ma in una delle sue dodici fatiche Ercole la divise in due parti che furono perciò chiamate Colonne d’Ercole e segnavano il limite estremo del mondo conosciuto, oltre il quale l’uomo non poteva spingersi.
Oggi, di primo mattino, una luna tardiva che tramonta dietro alla Upper Rock saluta decine di navi, portacontainer e petroliere che aspettano l’autorizzazione al transito verso l’oceano, ben più vasto di quanto si immaginasse nell’antichità e anche ai tempi di Colombo. Nel canale transitano i cargo verso l’Africa e le carrette della speranza per l’Europa, veleggiano lussuosi yacht, si nascondono i sommergibili della discordia. Persino gli uccelli migratori e i mammiferi marini, favoriti nella pesca dalle correnti oceaniche, non possono fare a meno di fermarsi in quest’angolo di territorio britannico che dalla Spagna si protende verso il Marocco.

Dio salvi la bertuccia
Con 6,4 chilometri quadrati di estensione e 426 metri di altitudine massima, poco più di un grosso scoglio, Gibilterra sembra un minuscolo compendio del mondo. C’è il tipico stile british nelle case bianche con le finestre nere e i comignoli in mattoncino, nelle cabine del telefono rosse, nelle ordinatissime file di ragazzi con la divisa del college. C’è l’animo spagnolo nell’accoglienza calda ed estroversa degli abitanti e nella musicalità del llanito, il dialetto inglese dalle vocali dolci, pieno di intercalari castigliani, arabi e persino liguri che si parla in città. C’è l’atmosfera arabeggiante della moschea e delle donne velate che preparano il cous cous, e c’è anche un po’ d’Africa, non solo per la sabbia che piove dal cielo nei giorni di scirocco, per il clima caldo e ventilato con 320 giorni di sole l’anno e minime invernali di 16°C, ma anche per la popolazione di bertucce macaco che vivono in libertà sulla Rocca. All’epoca dell’Impero Romano sembra che il Macacus sylvanus, questo l’appellativo scientifico dell’espansiva scimmietta, fosse diffuso su tutta la costa spagnola, portoghese e marocchina: oggi ne rimangono qualche migliaio di esemplari sulle vette dell’Atlante maghrebino e i circa 250 individui di Gibilterra. Si dice che le prime siano state importate nel 711 dalle foreste berbere, come animali da compagnia, dalle truppe islamiche di Tariq ibn Ziyad; di certo erano assai numerose negli ultimi decenni della Reconquista, alla fine del XV secolo, quando il Regno di Castiglia riuscì a far ritirare gli Arabi oltre lo stretto. Le bertucce assistettero all’arrivo degli anglo-olandesi nel 1704, quando fu la Corona britannica a prendere possesso del piccolo promontorio passando per interminabili assedi e rivendicazioni spagnole, innumerevoli scontri con i pirati turchi e, ormai ai nostri giorni, due conflitti mondiali.Un detto popolare sostiene che quando l’ultima scimmietta sparirà Gibilterra cesserà di essere inglese, e forse non a caso Winston Churchill si occupò personalmente di garantirne l’alimentazione durante la Grande Guerra. Mentre passeggiamo nell’Upper Rock Nature Reserve i piccoli giocano attorno a noi indisturbati, le madri continuano tranquille a coccolare i neonati, i giovani maschi si inseguono per instaurare una fugace gerarchia. Se ci si accuccia alla loro altezza, senza guardarli negli occhi, gli esemplari adulti si avvicinano curiosi e provano a tirare la maglietta, a toccare l’orologio, a infilare la mano nella borsa in cerca di uno snack. Senza essere aggressivi o invadenti, rimangono a fissarti con i loro piccoli occhi rotondi. Ai più fortunati può accadere di sentire il tocco morbido della loro manina o l’odore piacevole del pelo curato e liscio come quello del gatto di casa.

Passeggiando sulla Rocca
Gibilterra, bianco scoglio calcareo che si distingue sia dalle rosse pendici della Sierra circostante che dalle vette nere dall’altra parte del canale, è come un ponte, non solo metaforico, tra Europa e Africa. Nel giardino botanico degli Alameda Garden le piante grasse importate da ogni continente assediano i pini marittimi contendendo la luce all’ibisco e al gelsomino, alla bouganvillea e alla ginestra, mentre i gabbiani reali rubano il cielo alle upupe migratrici e la farfalla monarca africana si riproduce tra la macchia mediterranea. In una grotta calcarea ricca di concrezioni, camere e laghetti è stato ritrovato già otto anni prima del fossile di Neanderthal, a riprova dell’antichissimo popolamento umano, lo scheletro di un ominide preistorico.
Il territorio dell’enclave è ristretto ma la proverbiale efficienza britannica, aiutata da una natura prodigiosa, è riuscita a farci entrare proprio tutto: campi da calcio, rugby, tennis e football, spiagge dorate, la marina per le escursioni a vela e il dolphin watching, una falesia per le arrampicate. Sotto la vetta della Rocca, se si guarda con attenzione, si riconosce la striscia di asfalto dell’aeroporto internazionale: il giorno del nostro arrivo eravamo tranquilli in camper a studiare le cartine in quello che sembrava un ampio e comodo parcheggio, fino a quando i gesti gentili ma concitati dei passanti ci hanno fatto capire che sostavamo nel bel mezzo della pista di atterraggio, in cui arrivi e partenze sono scanditi dal semaforo rosso. Chi cerca un luogo di fede troverà quattro sinagoghe, due moschee, un tempio induista e tutti i tipi di chiesa che possono venire in mente, la battista, quella luterana, la metodista, l’anglicana, dei Testimoni di Geova e ovviamente quella cattolica, nella quale ogni domenica si svolgono curiose messe in spagnolo con canti gospel di sapore afro-americano. E ancora, i pub fumosi di Irish Town, le botteghe artigiane, i prestigiosi atelier come quello della Crystal Glass Factory, fiore all’occhiello della produzione artistica gibranita, le square con tanto di cambio della guardia, la funivia, il faro, ma anche le pulitissime toilette pubbliche e l’inceneritore ecofriendly per i rifiuti differenziati.
Cresciuto come tecnologico e agguerrito avamposto militare conteso da molte nazioni, il Jebel el Tariq è diventato un esempio di tolleranza. Il sito ufficiale dell’ente turistico avvisa che il campeggio libero è proibito su tutto il territorio e che non esistono strutture attrezzate, ma questo non significa che i v.r. non possano varcare la frontiera né che sia vietato sostare negli stalli a pagamento fuori dal centro storico per visitare la città, fermandosi anche la notte nei mesi invernali. E’ invece da sconsigliare fortemente l’accesso entro le mura e verso l’Upper Rock perché le strade sono molto strette, con curve a gomito e balconi bassi. Entrando dal confine spagnolo della Línea de La Concepción, subito prima dell’aeroporto, la cittadina si sviluppa da nord a sud sul lato occidentale della Rocca. La marina, la stazione degli autobus e il terminal dei traghetti si trovano sulla destra della pista di atterraggio, proprio di fronte all’ingresso del centro storico. Ci sono alcuni parcheggi a pagamento solo diurni proprio sotto le mura, di fronte al lungomare, e un’area più ampia presso la cable car, la cabinovia all’ingresso degli Alameda Gardens.
La visita a piedi può seguire la strada principale entrando dal Grand Casemates Gate direttamente in Casemates Square, la piazza che ospitava un tempo la guarnigione britannica, a ridosso del muro difensivo costruito dall’architetto italiano Giovanni Battista Calvi per il re spagnolo Carlo V nel XVI secolo. Dopo l’apertura delle frontiere nel 1985 e il ritiro di gran parte dell’esercito negli anni ’90, è stata restaurata come centro di artigianato trasformandosi in un delizioso angolo di botteghe pittoresche e bar con tavoli all’aperto. Su Main Street si allineano ristorantini che offrono le tipiche torte inglesi e negozietti di tabacco, liquori e prodotti informatici, il pezzo forte del commercio tax free della città. La parallela sulla destra è Irish Town, dove trovare i pub dalla birra più fresca delle migliori marche, ma anche di produzione propria. Sulla sinistra, piccole strade in salita e ripide scalinate conducono alla parte vecchia del borgo, dove vivevano i genovesi, gli ebrei e oggi gli stranieri residenti. Proseguendo sulla via principale si incontra la bella cattedrale di Saint Mary The Crowned, che impreziosisce un incrocio di vie, vicoli e alley molto apprezzate dai giovani gibraniti. Svoltando a destra su Bomb House Lane si raggiunge il Gibraltar Museum, dove sono custoditi tutti i ritrovamenti dal Neolitico ai giorni nostri; se invece si costeggiano le vecchie mura su Line Wall Road, si arriva a un parco per i bambini. Più avanti, sulla sinistra della chiesa della Holy Trinity ci sono le scalette per raggiungere Queensway, il lungomare, dove sono situati i parcheggi e la marina, un cantiere in espansione al momento della nostra visita più che un idilliaco angolo di litorale.
Rimanendo all’interno delle mura e superato il bell’edificio che ospita l’ufficio turistico, si svolta su Governor’s Lane costeggiando The Convent, l’ex monastero dei frati francescani, residenza dell’amministrazione della città dal 1728, dove nei weekend avviene lo scenografico cambio della guardia del Royal Gibraltar Regiment. Poco lontana è The King’s Chapel, piccola ma storica chiesa anglicana. Tornati sulla Main Street si riprende verso Southport Gate, la porta meridionale della cittadella fortificata, dove si trova un parcheggio dei taxi autorizzati al giro turistico di tutta la Rocca. La Red Sands Road conduce al grande piazzale di partenza della cabinovia per l’Upper Rock Nature Reserve e agli Alameda Gardens, mentre da Trafalgar Road, dove si trova lo storico cimitero con le tombe coperte di erba e rose, si può rientrare in centro attraverso Prince Edward’s Gate.
La Willis Road, una lunga strada in salita angusta, faticosa e purtroppo non pedonale, conduce di nuovo verso nord e all’ingresso della Rocca. Questa è ovviamente la parte più fortificata dove si trovano il Moorish Castle, costruzione trecentesca della dominazione berbera, il City Under Siege ricavato nella montagna durante la Seconda Guerra Mondiale con tanto di ospedale, cucine e dormitorio, il Military Heritage Centre e il Great Siege Tunnels, intreccio di cunicoli, stanze e postazioni scavate durante il lungo assedio spagnolo del 1779. Consigliamo di salire alla Rocca con la cabinovia che passa per l’indimenticabile Ape’s Den, la “tana delle scimmie”, dove oggi l’alimentazione delle bertucce viene integrata con frutta, acqua e cereali. Qui si trova anche l’accesso alla grotta di Saint Michael, splendida cavità carsica che un tempo era la riserva d’acqua del promontorio e attualmente funziona anche da insolita sala concerto.
Terminato il giro a piedi, che avrà certamente impegnato tutta la giornata, si riprende il v.r. e uscendo dal Ragged Staff Gate verso la zona industriale si costeggia la baia di Gibilterra. Dopo 100 Top Gun e Parson’s Lodge, due postazioni militari divenute museo, Camp Bay e Little Bay sono due piccole spiagge per godersi il tramonto. Poco più avanti c’è l’Europa Point, estremità meridionale del promontorio su cui si ergono il faro, il santuario di Our Lady of Europe e una moschea: il capo è punto di ritrovo abituale dei giovani di tutta la città e fino a tarda sera si sente il rombo delle moto di passaggio, ma vuoi mettere la sensazione di dormire sotto le stelle in questo avamposto tra due continenti?

PleinAir 438 – gennaio 2009

In pratica

COME ARRIVARE
Il tragitto dall'Italia, quasi tutto autostradale, da Ventimiglia attraversa la Francia e la Spagna via Nizza, Montpellier, Narbonne, Barcellona, Valencia, Almería e Marbella. Superate Estepona e Sotogrande, si esce alla Línea de La Concepción dove si trovano le indicazioni per Gibilterra. Il confine è aperto 24 ore al giorno, anche se i rigidi controlli delle forze dell'ordine spagnole possono rallentare l'ingresso e soprattutto l'uscita, che richiede anche due ore. Se avete poco tempo, per evitare le lunghe code il consiglio è di lasciare il v.r. al parcheggio in prossimità della frontiera, attraversandola a piedi e servendosi degli autobus.
Per chi preferisce muoversi via mare, la Grandi Navi Veloci (tel. 010 2094591 dal lunedì al venerdì ore 9/19, sabato ore 9/12.30, ww.gnv.it) collega Genova a Tangeri, in Marocco. Da qui i traghetti veloci della FRS, con cadenza giornaliera, arrivano a Gibilterra in un'ora e mezzo.

DOCUMENTI E ASSISTENZA SANITARIA
E' sufficiente la carta d'identità valida per l'espatrio; i minori di 15 anni privi di documento proprio devono essere iscritti sul passaporto di un genitore. Per la guida è valida la patente italiana. L'assistenza medica gratuita si ottiene con la tessera sanitaria o, in mancanza, il modello E111 da richiedere alla propria ASL.

VALUTA
La moneta è la sterlina di Gibilterra (GIP), equiparata a quella inglese; un euro equivale a 0,89 sterline (cambio al dicembre 2008).

TELEFONO
Dall'Italia il prefisso internazionale per Gibilterra è lo 00350, seguito dal prefisso locale 200 (istituito dal 1° ottobre 2008) e dal numero di telefono. Da Gibilterra in Italia il prefisso è lo 0039, seguito dal numero telefonico comprensivo di prefisso.

DOVE SOSTARE
Sebbene l'ente del turismo ricordi che campeggiare sul territorio di Gibilterra è vietato, i v.r. hanno libero accesso alla frontiera e possono circolare su tutte le strade, ad eccezione del centro storico entro le mura e della Upper Rock Nature Reserve, dove l'ingresso è espressamente vietato. Non ci sono divieti nei parcheggi a pagamento fuori dal borgo fortificato, per cui se si rientra nelle dimensioni degli stalli si può posteggiare sia lungo la Queensway che alla Cable Car Station, di fronte agli Alameda Gardens. Il parcheggio è libero ad Europa Point, sebbene rumoroso fino a tarda sera, e sulle spiagge di Eastern Beach, Catalan Bay e Sandy Bay (al momento della nostra visita la galleria che portava su questo lato promontorio era chiusa per lavori ed è stato necessario fare il giro, ripassando dal centro e svoltando prima dell'aeroporto verso il cimitero). Per lo scarico o per un soggiorno più confortevole, la struttura più vicina è il camping annuale Sureuropa, in terra spagnola vicino alla Línea de La Concepción (Camino de Sobrevela, tel. 0034/956/643587, www.campingsureuropa.com, info@campingsureuropa.com).

COME SPOSTARSI
Molto interessante il giro turistico con i taxi autorizzati in partenza da Casemates Square, dalla frontiera, da The Square, da Cathedral Square e dal Trafalgar Cemetery, al costo di circa 7 sterline a persona (Gibraltar Taxi Association, tel. 00350/200/70052, www.gibtaxi.com, gibtaxisass@gibtelecom.net).
Il servizio bus sale dal centro al Moorish Castle (linea 2), arriva ad Europa Point (linea 3) e percorre il lato est delle spiagge (linea 4). Per Upper Rock non si effettua alcun collegamento. La corsa semplice costa 0,60 sterline, l'andata e ritorno 0,90 sterline, il giornaliero 1,50 (Gibraltar Bus Company, tel. 00350/200/47622, fax 00350/200/47626, info@gibraltarbuscompany.gi).
La funivia della Rocca è aperta dal lunedì al sabato dalle 9.30 alle 17.45 (ultima salita alle 17.15) e il biglietto costa 8 sterline.

COSA VISITARE
Upper Rock Nature Reserve, tel. 00350/200/72639, fax 00350/200/74022, www.gohns.org, info@gohns.org (tutti i giorni ore 9/18.15, ultimo ingresso 17.45; adulti 8 sterline, bambini da 5 a 12 anni 4 sterline, tariffa comprensiva della visita alla grotta di Saint Michael, all'Ape's Den, all'Heritage Centre, al Great Siege Tunnel, al castello, all'esposizione City Under Siege e 100 Top Gun).
Alameda Botanical Gardens, Red Sands Road, tel. 00350/200/41235, fax 00350/200/74022, www.gibraltargardens.gi, info@gibraltargardens.gi (da lunedì a sabato dalle 9.30 al tramonto, ingresso libero).
Gibraltar Museum, Bomb House Lane 8/20, tel. 00350/200/74289, fax 00350/200/79158, www.gib.gi/museum, enquiries@museum.gib.gi (da lunedì a venerdì ore 10/18, sabato ore 10/14, ingresso 2 sterline).
World War II Tunnels, Upper Rock (da lunedì a venerdì ore 10.30/16.30, ingresso 6 sterline).

ESCURSIONI
Da Marina Bay si effettuano due volte al giorno escursioni in barca nello stretto per l'avvistamento dei cetacei con Dolphin Adventure (The Square, tel. 00350/200/50650, www.dolphinadventure.eu, info@dolphinadventure.eu) e Dolphin Safari (tel. 00350/200/71914, www.dolphinsafari.gi).

COSA ACQUISTARE
Gibraltar Crystal Glass Factory, Grand Casemates, tel. 00350/200/50136, fax 00350/200/79980, www.gibraltar-crystal.com, info@gibraltarcrystal.com, aperta da lunedì a venerdì dalle 9 alle 19, sabato dalle 9 alle 14, chiusa domenica, ingresso gratuito. La fabbrica delle famiglie Menez e Montegriffo è una delle più tradizionali in città, con possibilità di ammirare la produzione di cristalli dal vivo.

INDIRIZZI UTILI
Gibraltar Tourist Board, Duke of Kent House, Cathedral Square, Gibraltar, tel. 00350/200/74950, fax 00350/200/74943, www.gibraltar.gi, tourism@gibraltar.gi.

Mappa


Altre Mete e Itinerari

Leggi tutte le Mete e gli Itinerari
POI Garmin
In Edicola
Scarica