Abbonati alla rivista
Area utenti

PleinAir | Viaggio

Tarasp Inn - Grigioni, Svizzera

Grigioni a pennello


In pratica Vai alla mappa


12 ottobre 2007

Bisogna consultare l’atlante per convincersi che in Svizzera c’è uno spartiacque fra l’Adriatico e il Mar Nero: effettivamente dal Passo del Fuorn, sulla strada che collega Davos a Merano attraverso Glorenza, scende un affluente dell’Adige, mentre sull’altro versante i corsi d’acqua confluiscono nell’Inn che, dopo un lunghissimo percorso, aggirando le Alpi va a congiungersi con il Danubio in Germania. Siamo nei Grigioni, il più orientale dei cantoni elvetici, incuneato fra l’Italia e l’Austria: vi accederemo dall’Alto Adige e ne usciremo con un breve sconfinamento nel Tirolo austriaco, per poi rientrare in Italia e chiudere l’anello attraverso il Passo di Resia. Obiettivi del nostro itinerario nei Graubünden sono in particolare lo Schweizerischer Nationalpark, i luoghi in cui operò il pittore Giovanni Segantini e le case affrescate della Bassa Engadina.
Il comodo accesso è la statale 41, una laterale della Val Venosta che da Sluderno raggiunge, poco oltre il confine, il villaggio di Müstair dove la Svizzera ci accoglie con uno dei suoi monumenti più importanti, il Kloster Sankt Johann che si dice sia stato fondato da Carlo Magno nel 790: l’abbazia è nota soprattutto per gli affreschi dell’XI secolo, alcuni dei quali si possono ammirare nel Landesmuseum di Zurigo. Si prosegue per Sankta Maria im Müstair, svoltando qui a destra per la valle del Fuorn, a risalire fino ai 2.149 metri dell’omonimo passo nel cuore del parco nazionale.

La foresta imbalsamata
Qualche perplessità desta a prima vista la politica di gestione dell’area protetta, tesa a salvaguardarne in ogni dettaglio la genuinità. La regola vigente è infatti che nulla può essere toccato, la natura deve regolarsi da sola e l’insieme apparire come prima dell’arrivo dell’uomo: l’unica manutenzione è la messa in sicurezza dei sentieri, con il taglio dei rami pericolanti o dei tronchi che sbarrano il passaggio. Il risultato è però una sorta di foresta fantasma dove in certi punti gli alberi morti, lasciati via via cadere nel sottobosco fino a dissolversi, sembrano più numerosi di quelli vivi. Pregio del parco, dicono i pieghevoli illustrativi, è la presenza di quasi tutte le specie botaniche alpine, ma apprezzarle non sembra poi così facile per gli stessi motivi detti poc’anzi: nel nostro caso, lasciato il camper nella piazzola siglata con il numero 7 e imboccato il relativo sentiero, ci siamo ritrovati a camminare in un bosco formato in prevalenza da pini silvestri (con qualche raro pino mugo), vincolati dall’obbligo di non lasciare il tracciato – i divieti sono ripetuti assai di frequente – e con la proibizione di raccogliere anche uno solo di quei meravigliosi funghi in cui ci si imbatte nei mesi autunnali. Piacevole dunque la passeggiata per sgranchirsi le gambe e respirare aria buona, meno interessante invece la valenza paesaggistica e difficile l’osservazione degli animali; gli itinerari segnalati sono comunque ventuno, dai più facili e brevi adatti anche ai bambini fino a quelli più impegnativi per escursionisti esperti, e invitiamo perciò il lettore a cimentarsi con altre passeggiate che si snodano nei diversi ambienti del parco.
Tornati al camper (di cui è vietato il pernottamento libero), abbiamo valicato il Fuorn e raggiunto la valle dell’Inn in corrispondenza di Zernez. Qui l’Engadina – che nella locale lingua romancia significa “giardino dell’Inn” – si divide in alta e bassa per un totale di 95 chilometri, dalla sorgente del fiume alla frontiera austriaca. Svoltiamo a sinistra per la statale 3 che risale l’ampia valle solare, bordata di abeti e larici, fino a Sankt Moritz, lo storico centro elvetico di villeggiatura e sport invernali: ma a noi questa volta interessa il museo dedicato a Segantini nel quale, fra le altre opere, è conservato il Trittico della Natura, rimasto incompiuto.
Ancora pochi chilometri sfiorando i laghi di Silvaplana e da Segl e si arriva a Maloja, ai piedi dell’omonimo passo.

Un pittore en plein air
Come Van Gogh fu attratto dalla Provenza e Gauguin da Tahiti, così Giovanni Segantini subì l’irresistibile fascino della montagna. Nato ad Arco di Trento nel 1858 (dunque per quel tempo cittadino austriaco), pittore ignorantissimo – come lo definì il collega Umberto Boccioni – solo perché adottava tecniche impressioniste e poi divisioniste senza conoscere le rispettive scuole, sfiorò senza esserne coinvolto la Scapigliatura milanese e infine trovò la terra promessa in Engadina. Stabilitosi a Maloja, lavorava esclusivamente in esterni andando a riprodurre luci e colori di un paesaggio in cui, scrisse un critico dell’epoca, l’Engadina vendica la Svizzera delle vecchie banalità .Segantini si innamorò a tal punto della sua nuova patria da proporre, per l’Esposizione Universale di Parigi del 1900, un grande padiglione chiamato Panorama in cui su enormi quadri sarebbe stato riprodotto l’intero territorio con suoni, luci, congegni idraulici e ventilatori a ricrearne l’atmosfera; ma il progetto non andò in porto a causa dei costi troppo elevati e allora l’artista si fece costruire dietro la sua casa di Maloja un edificio circolare in legno, copia in scala del padiglione mai realizzato, che gli servisse da studio nel quale oggi sono raccolte le sue testimonianze, nonché i progetti per la realizzazione del Panorama e del museo di Sankt Moritz. Ancora convinto di poter riassumere in grandi dipinti le bellezze dell’Engadina, progettò il Trittico della Natura e per realizzarlo salì ai 2.700 metri dello Schafberg, sopra Pontresina, da cui poteva godere di una vista a trecentosessanta gradi dei monti circostanti. Per riparo aveva una capanna di legno, ma un improvviso abbassamento di temperatura gli provocò una peritonite, impossibile da curare in quel contesto: di qui la morte, a soli 41 anni.
Saggiamente il comune di Maloja ha oggi attrezzato il Sentiero Segantini, un breve percorso attorno al paese in cui si raggiungono i siti (chiamati stazioni) da cui il pittore ha immortalato una veduta, ciascuno segnato da una riproduzione del quadro in questione: suggestiva la marmitta glaciale colma d’acqua che servì da specchio al nudo femminile de La vanità. Altre stazioni riguardano la casa e l’atelier, rievocazioni dei dipinti del contemporaneo e amico Giovanni Giacometti (come Vista su Maloja, importante documento dello scomparso hotel Maloja Palace, e Segantini sul letto di morte) e infine la Torre Belvedere, un edificio neogotico già dimora del conte Camille de Renesse, ora sede di un museo naturalistico e notevole punto panoramico a cui si arriva senza problemi. Il dépliant con l’itinerario nel dettaglio e le informazioni essenziali vengono forniti gratuitamente dal locale ufficio turistico.
Si sale adesso al passo per uno sguardo sulla limitrofa Val Bregaglia, dove la statale prosegue verso la frontiera italiana sopra Chiavenna, quindi non resta che ridiscendere l’Alta Engadina per la strada già fatta e a Zernez proseguire sulla statale 27 in direzione dell’Austria.

La valle dipinta
Ci troviamo ora in Bassa Engadina, una vallata più stretta con l’Inn che scende fra rapide impetuose, e dove ai boschi e ai pascoli si alternano coltivi del tutto inaspettati a queste altitudini. Ma l’aspetto più caratteristico è costituito dai bei paesini pressoché integri nelle loro originali architetture: antiche case coperte da affreschi e graffiti, finestre a sporto, armoniosi acciottolati, piazzette ornate di fontane. Li incontriamo uno dopo l’altro, con brevi deviazioni.
A Lavin (la vecchia strada attraversa l’abitato) poche case sono sopravvissute a un incendio degli inizi del ‘900: ci si consola con il ciclo di affreschi della chiesa cinquecentesca. Poco più avanti, a Giarsun si trova il bivio per Guarda che a pieno merito è sicuramente il villaggio più famoso, al punto da essere eletto monumento nazionale: si sale fino al centro e, a sorpresa, si riesce persino a pernottare nella deserta piazza principale, circondati da case dipinte. Ridiscesi sulla statale, si raggiunge Ardez le cui case competono con quelle di Guarda: notevole la Chasa Clagüna, sulla cui facciata un grande affresco rappresenta Adamo ed Eva.
Una bella strada panoramica (peraltro un po’ stretta) ci fa adesso salire fino a Ftan dove, presso l’hotel Paradis, scopriamo l’Alpine Mühle, un grande mulino ad acqua ancora funzionante, con la ruota esterna protetta da una tettoia. La proprietaria ci accoglie con grande cordialità, raccontandoci che il bisnonno arrivò qui dal Tirolo e che due delle tre macine (una è riservata ai mangimi) hanno rispettivamente duecento e trecento anni: si tratta del più antico impianto del genere in tutta la Svizzera. Gli arredi sono d’epoca, sembra quasi un museo, e dalle finestre si gode di una straordinaria vista sulla valle in cui si erge solitaria la massiccia mole del castello di Tarasp, nostra prossima meta. Per raggiungerlo, scesi a Scuol bisogna retrocedere sulla statale fino al bivio di Vulpera; in ogni caso è impossibile perderlo di vista. Lo Schloss Tarasp, forse il monumento più importante di tutti i Grigioni, è una fortezza medioevale risalente all’XI secolo, più volte rimaneggiata: dell’impianto primitivo rimangono la cappella romanica e la torre principale.
Tornati a Scuol, ne visitiamo la parte alta (Scuol-Sura) nota come centro termale, quindi la parte bassa (Scuol-Sot), antico villaggio dalle caratteristiche abitazioni che racchiude anche il Museum d’Engiadina Bassa, con un ricco assortimento di reperti della civiltà locale.
Un’ultima breve deviazione su un’altra strada panoramica che corre parallela al fondovalle ci porta ora a Sent dove si conservano altre belle case, alcune con frontoni rococò, e le rovine di una chiesa medioevale che vegliano sul villaggio dall’alto di una rupe. Da qui la frontiera austriaca dista ormai pochi chilometri: costeggiando l’Inn giungiamo a Martina dove, subito dopo un ponte, si entra in Tirolo. Seguendo i tornanti si sale a un valico senza nome da cui si ridiscende con marcata pendenza a Nauders, rientrando in Italia attraverso il Passo di Resia.

PleinAir 411 – ottobre 2006

In pratica

COME ARRIVARE
Dalla A22 del Brennero si esce a Bolzano Sud e si prosegue sulla superstrada in direzione di Merano, sfiorando la parte occidentale della cittadina per prendere la statale della Val Venosta fino a Sluderno; di qui si devia per Glorenza e Müstair. Volendo entrare in Svizzera dal Passo di Resia, dopo Sluderno si prosegue invece per Malles Venosta, Nauders e Scuol.

DOCUMENTI E ASSISTENZA SANITARIA
E' sufficiente la carta d'identità valida per l'espatrio; i minori di 15 anni devono invece disporre di passaporto individuale o essere iscritti su quello di un genitore. Per le cure mediche gratuite è necessario esibire la tessera sanitaria o, in mancanza, il modello E111 da richiedere alla propria ASL.

VALUTA
La moneta ufficiale è il franco svizzero (CHF); un euro equivale a 1,58 franchi (cambio a settembre 2006).

TELEFONO
Per chiamare dall'Italia alla Svizzera il prefisso internazionale è lo 0041 seguito dal prefisso locale (senza lo 0) e dal numero di telefono. Dalla Svizzera all'Italia il prefisso è lo 0039, seguito dal numero telefonico comprensivo di prefisso.

SOSTE E CAMPEGGI
In Engadina, a differenza di altre regioni svizzere, non abbiamo trovato divieti specifici riguardo ai veicoli ricreazionali; unica eccezione, non si può pernottare nelle piazzole dello Schweizerischer Nationalpark. Inoltre, lungo il percorso indicato sono disponibili diversi campeggi (facili da reperire sui siti www.swisscamps.ch e www.eurocampings.it, anche in italiano): località per località, eccone alcuni al servizio del nostro itinerario; si tenga conto che nella bella stagione le strutture aperte nella zona sono almeno una ventina.
Müstair Clenga, tel. 0041/81/8585410, fax 0041/81/8585422, www.campclenga.ch, clenga@swisscamps.ch (aperto dal 1° maggio al 20 ottobre).
Sankta Maria im Müstair Pè da Munt, Via Umbrail, tel. 0041/81/8587133, fax 0041/81/8586297, www.stamaria.ch, info.stamaria@bluewin.ch (aperto dal 15 maggio al 20 ottobre).
Scuol Gurlaina, tel. 0041/81/8641501, fax 004181/8640760, www.campingtcs.ch, gurlaina@swisscamps.ch (aperto tutto l'anno tranne che a novembre).
Sent Sur En, tel. 0041/81/8663544, fax 0041/81/8663237, www.sur-en.ch, sur-en@swisscamps.ch (annuale).

INDIRIZZI UTILI
Svizzera Turismo, Numero Verde 00800-10020030, Fax Verde 00800-10020031, www.myswitzerland.com (anche in italiano), info@myswitzerland.com.
Schweizerischer Nationalpark, Zernez, tel. 0041/81/8561282, fax 0041/81/8561740, www.nationalpark.ch anche in italiano, info@nationalpark.ch.
Turissem Val Müstair, Chasa Cumünala, Tschierv, tel. 0041/81/8585858, fax 0041/81/8586262, www.val-muestair.ch, info@val-muestair.ch.
Kloster Sankt Johann, Müstair, tel. 0041/81/8516228, fax 0041/81/8586292, www.muestair.ch (anche in italiano), museum@muestair.ch; museo aperto da maggio a ottobre ore 9/12 e 13.30/17 nei feriali, domenica e festivi 13.30/17, da novembre ad aprile feriali ore 10/12 e 13.30/16.30, domenica e festivi 13.30/16.30, ingresso 12 franchi, ridotto 6 franchi.
Kur- und Verkehrsverein Sankt Moritz, Via Maistra 12, tel. 0041/81/8373333, fax 0041/81/8373377, www.stmoritz.ch, info@stmoritz.ch.
Segantini Museum, Via Somplaz 30, Sankt Moritz, tel. 0041/81/8334454, fax 0041/81/8322454, www.segantini-museum.ch (anche in italiano), info@segantini-museum.ch (aperto dal 20 maggio al 20 ottobre e dal 1° dicembre al 20 aprile da martedì a domenica ore 10/12 e 14/18, ingresso 10 franchi, ridotto 7 franchi).
Tourist Office Maloja, tel. 0041/81/82413188, fax 0041/81/8243637, www.maloja.ch, info@maloja.ch.
Engadin-Scuol Tourist Office, tel. 0041/81/8612222, fax 0041/81/8612425, www.scuol.ch (anche in italiano), info@engadin.com.
Museo d'Engiadina Bassa, Scuol (visitabile da metà maggio, giugno e ottobre il martedì e giovedì ore 16/18, da luglio a settembre il lunedì, mercoledì e venerdì 15/18, altri mesi su prenotazione presso l'ufficio turistico).
Schloss Tarasp, tel. 0041/81/8649368, fax 0041/81/8649373, www.schloss-tarasp.ch, info@schloss-tarasp.ch (visitabile da giugno al 10 luglio alle ore 14.30, dall'11 luglio al 20 agosto alle 11, alle 14.30, alle 15.30 e alle 16.30, dal 21 agosto al 15 ottobre alle 14.30 e alle 15.30).
Alpine Mühle, Ftan, tel. 0041/81/8641007 (possibilità di dimostrazione previo accordo).

Mappa


Altre Mete e Itinerari

Leggi tutte le Mete e gli Itinerari
Punto Direttore
iltropicodelcamper
app PleinAirClub
POI Garmin
Scarica