Abbonati alla rivista
Area utenti

PleinAir | Viaggio

MANGIARE SECONDO NATURA

Gufi o allodole? Svegliarsi presto allunga la vita

Leggi gli altri articoli

20180509-cronobiologia-mangiare-secondo-natura9 maggio 2018

Siete gufi o allodole? Amate andare a dormire quando gli altri si svegliano o svegliarvi presto quando il resto del mondo ancora dorme? La cronobiologia non è solo questione di abitudine, ma anche di salute: da tempo la scienza e la medicina indagano il legame tra qualità del sonno e patologie di varia natura come insonnia, depressione, pressione alta. Un nuovo studio condotto da ricercatori statunitensi e pubblicato sulla rivista Chronobiology International si è posto come obiettivo quello di calcolare il differente tasso di mortalità e rischio di contrarre malattie tra gufi e allodole con risultati nettamente a favore dei secondi.

TASSO DI MORTALITÀ PIÙ ALTO PER CHI VIVE DI NOTTE
I ricercatori hanno studiato per sei anni oltre 400mila persone di età compresa tra i 38 e i 73 anni con età media, dunque, di 56,5 anni. Sulla base dei loro comportamenti i partecipanti sono stati divisi in quattro gruppi: mattinieri (27%) che si svegliano prestissimo e si addormentano poco dopo il tramonto; moderatamente mattinieri (35%) e moderatamente notturni (28%) che hanno orari sostanzialmente nella norma, i primi più spostati al mattino, i secondi più alla sera; i notturni cronici (9%) che si svegliano con il buio e si addormentano all’alba. Ne è emerso, dopo anni di monitoraggio dello stato di salute, che i “gufi” corrono in media un rischio di mortalità per ogni causa del 10% più alto rispetto alle “allodole”; del 30% più alto di soffrire di diabete e del 25% per quanto riguarda i disturbi neurologici; di circa il doppio di soffrire di disturbi psicologici come depressione e ansia; del 23% in più di contrarre malattie gastrointestinali; del 22% maggiore di patire disturbi respiratori.

QUESTIONE DI GENETICA
Insomma essere gufi può rappresentare un bel problema, ma non è solo una questione di cattive abitudini. Ci sono infatti anche delle ragioni biologiche – che prescindono dalle nostre scelte – dietro la tendenza di ognuno di noi ad essere più mattinieri o più nottambuli. E se per tutti il fattore di salute davvero importante sarebbe garantirsi una buona qualità del sonno e un’adeguata alternanza sonno-veglia, è chiaro che tutto diventa più complesso per chi è portato a carburare meglio di notte in un mondo che è organizzato per vivere di giorno. E, soprattutto, per lavorare di giorno. Oltre alla genetica, infatti, anche il contesto ambientale complica la vita – e la salute – dei gufi. Sarà di certo più difficile per loro sincronizzare il proprio orologio biologico con un contesto socio-economico che a maggioranza si alza presto al mattino per andare a lavorare e rincasa a sera per poi andare a dormire. Così, anche i super-mattinieri avranno difficoltà a non coricarsi quando per amici e colleghi è l’ora della socializzazione!

SOPRAVVIVERE IN MINORANZA
Se la maggioranza vince inevitabilmente sui cronotipi in minoranza, chi appartiene a questi gruppi non è del tutto spacciato e può comunque adottare dei comportamenti utili a mitigare gli effetti di una sorta di “condanna biologica”. Questo discorso vale soprattutto per i nottambuli cronici che possono provare gradualmente ad allinearsi, senza per questo “snaturarsi” del tutto. Si tratta di correggere gradualmente il proprio stile di vita provando, notte dopo notte, ad andare a letto un po’ prima. Fondamentale in questo processo è bandire le fonti di luce artificiale e addormentarsi con TV, smartphone, Pc e quant’altro del tutto spenti. L’esposizione alla luce artificiale notturna è, infatti, l’elemento che più cronicizza una tendenza genetica a “vivere di notte”, mentre la luce naturale del giorno è un grande alleato di salute a cui gufi non dovrebbero rassegnarsi a rinunciare. Così, anche le allodole “patologiche” potrebbero sforzarsi di coricarsi ogni giorno un pochino più tardi. Nel loro caso, infatti, la salute non corre rischi e non stiamo certo consigliando di impegnarsi a cambiare quella che è di base una sana attitudine. Ma è pur vero che l’uomo è un animale sociale e anche spegnere del tutto il proprio orologio quando quello di chi ci circonda è ancora attivo potrebbe rivelarsi a lungo andare un pochino estraniante.

 

FONTE: Associations between chronotype, morbidity and mortality in the UK Biobank cohort, Chronobiology International April 2018


Leggi gli altri articoli




Altri Articoli

Leggi gli altri articoli
Punto Direttore
iltropicodelcamper
app PleinAirClub
POI Garmin
Scarica