Abbonati alla rivista
Area utenti

PleinAir | Viaggio

20 ottobre 2017

Il tallone Achille

20171020-salone-camper-padiglione

Il Salone del Camper svoltosi settembre a Fiere di Parma ha confermato l’ampia disponibilità dell’offerta: nella varietà dei modelli esposti, nella versatilità progettuale, nell’orientamento verso soluzioni innovative, nella presenza  di un pubblico di visitatori che ha superato le 130.000 unità.
Tutto bene? Gli aspetti appena indicati sono ampiamente positivi ma vanno raccordati all’immagine di un mercato nazionale che le statistiche danno in crescita ma con tassi percentuali che lo collocano nelle posizioni non di primaria importanza nel quadro del mercato europeo.
Le nostre fabbriche operano a pieno regime nella mitica camper Valley della Toscana ma gran parte del prodotto è diretto verso altri mercati. Questo rappresenta un bene per la  saldezza aziendale ma per il potenziale acquirente nazionale è come passare davanti a un ristorante, sentire il profumo della cucina e non entrare.
Il mercato nazionale merita ben altra consistenza. Il nostro è un Paese ideale per il turismo del veicolo abitativo. È come un grande percorso lungo il quale si trovano tutte le possibili tappe che danno valore alla mobilità.

Quale il tallone di Achille? Si propone, si ripropone, si espone il prodotto, fioriscono le promozioni ma se non si fa comprendere quello che produce è come innestare la marcia in folle. Lo ripetiamo: è positivo che le aziende costruttrici vadano a pieno regime ma non possiamo essere solo un popolo di poeti, di navigatori e ora di costruttori ma dobbiamo diventare anche interpreti del ruolo del veicolo abitativo.

Altre News

Leggi tutte le News
Punto Direttore
app PleinAirClub
iltropicodelcamper
movimentoturismovino
POI Garmin
Scarica