Abbonati alla rivista
Area utenti

PleinAir | Camper

18 marzo 2014

Guida al noleggio del camper (1/5): il contratto di noleggio

Consegna delle chiavi

Patti chiari…
Decidere di partire senza dover rinunciare alle proprie piccole abitudini, senza vincoli di prenotazioni e bagagli né limitazioni di itinerario: con un camper a noleggio si può. E per viaggiare tranquilli, vediamo le relative formalità e gli accorgimenti d’uso.
I diversi noleggiatori possono distinguersi per l’offerta di condizioni specifiche, ma a grandi linee i diversi schemi contrattuali si rifanno a formule omogenee. Il che non esime dal leggere attentamente il contratto prima di sottoscriverlo, chiedendo dettagliate spiegazioni sui punti poco chiari.

Consegna e riconsegna
– Alla consegna, il cliente dovrà accertare il perfetto ordine del mezzo e l’efficienza dei componenti tecnici, e far annotare gli eventuali danni visibili (ammaccature alla scocca, lacerazioni ai pneumatici);
– Alla riconsegna, il veicolo dovrà risultare ben pulito, in ordine, e con i serbatoi di recupero svuotati.
In caso di ritardo nella riconsegna, occorre contattare subito il noleggiatore per evitare le penalità contrattuali.

Fra gli optional del veicolo a noleggio può esserci la televisione

Cosa è compreso
– E’ incluso tutto quanto abilita il veicolo a circolare e a funzionare
– Sono optional gli effetti che lo rendono abitabile (riserva gas, liquidi chimici, biancheria da letto, attrezzature da cucina), e accessori come il televisore.

Tariffe e servizi
Le tariffe variano a seconda:
– del tipo di veicolo (meccanica e dimensioni/livello abitacolo)
– della stagione (dalla bassa all’alta, natalizia e pasquale, lunghi ponti)
– della durata del noleggio
– della formula a percorrenza giornaliera limitata o meno.

Firma del contratto

La sottoscrizione del contratto di noleggio

Pagamenti e deposito cauzionale
– L’anticipo all’atto della prenotazione è seguito dal saldo della quota alla partenza.
– In caso di rinuncia, l’ammontare dell’anticipo andrà perduto in parte o del tutto, a seconda dei giorni che separano dalla partenza.
– Viene altresì richiesto un deposito cauzionale, che di norma copre la franchigia dell’assicurazione furto, incendio e Kasko.

Le assicurazioni
Il veicolo deve (o, per le voci facoltative, può) essere dotato di:
– RCA, assicurazione obbligatoria per la responsabilità civile (inclusi familiari e trasportati): è bene farsi specificare i massimali, insieme alle coperture previste da quella facoltativa per furto e incendio
– Carta Verde, indispensabile per recarsi nei paesi extracomunitari
– assicurazione Kasko (consigliata) a copertura totale dei danni causati dal conducente stesso (chiarire l’ammontare della franchigia)
– estensione della copertura assicurativa al bagaglio (prevista in taluni casi) ed eliminazione della franchigia della kasko con un piccolo versamento a fondo perduto.

Danneggiamento

E’ bene verificare alla consegna del veicolo l’eventuale presenza di danni

Incidenti e guasti
 In caso d’interruzione del viaggio per incidente o guasto:
– l’utente provvederà a compilare l’eventuale modulo di constatazione amichevole dei danni e a far trainare in una sede appropriata il mezzo, informandone immediatamente la ditta noleggiatrice
– per i piccoli interventi basterà l’assenso telefonico della ditta stessa, cui andranno consegnati a fine viaggio fattura e pezzo sostituito per il rimborso.

Conducente e passeggeri
Di norma:
– non viene affidato un veicolo in nolo ai minori di 21 anni
– la guida non può essere affidata a persone diverse da quelle indicate nella copia del contratto, da tenere a bordo insieme all’Autorizzazione a Condurre
– il numero delle persone trasportate non deve superare quello indicato nel libretto di circolazione, e non è consentito trasportare persone o cose dietro compenso
– l’utente risponderà in proprio delle eventuali violazioni al Codice della Strada.

Qualche verifica utile
Diffidare dai noleggi “selvaggi” effettuati da privati, o anche da centri commerciali che potrebbero noleggiare veicoli non abilitati. Per cautelarsi, un controllo al libretto di circolazione ci dirà:
– se il veicolo sia di proprietà della ditta noleggiatrice (vi saranno riportati gli estremi della licenza)
– se sia stato immatricolato per lo specifico “uso di terzi da locare senza conducente”, o comunque sia stato sottoposto a visita da parte della locale Motorizzazione Civile per accertarne la rispondenza a tale uso.
I contratti assicurativi devono esplicitamente riferirsi all’uso di noleggio.

Altre News

Leggi tutte le News
cremasport
al-ko
guglielmi
arca
nordaffari
knaus
Beltrani
rimor